fbpx
Connect with us

Abruzzo

Giuliani: ‘I terremoti si possono prevedere’. A 10 anni dalla tragedia aquilana lo scienziato denuncia il potere [Video]

Carlo Di Natale

Published

il

L’AQUILA – ‘Il terremoto ti avvisa! Ti avvisa in tanti modi’, con queste affermazioni ormai disperate, Giuliani, l’uomo che nella notte del 5 e il 6 aprile 2009 divenne noto per aver allertato gli aquilani, lungo le vie della città a bordo della sua auto, che di lì a poco si sarebbe verificato un forte sisma, cerca di spiegare che la scienza ormai può prevenire l’avvento di movimenti tellurici, salvando così vite umane.

Nell’intervista, avvenuta il 6 gennaio 2019, oltre allo scienziato e al giornalista Frabetti, è presente Gianfranco Pecoraro in arte Giovanni Francesco Carpeoro: un avvocato, scrittore, amante del simbolismo, che ha voluto fortemente la presenza del fisico nel suo spazio settimanale dal titolo ‘Carpeoro racconta’, per dare voce ad uomo non ascoltato, messo ai margini dai cosiddetti ‘poteri forti’ e dalla politica.

Giampaolo Giuliani (Il Martino - ilmartino.it -)

Giampaolo Giuliani

Per chi non lo conosce Giuliani nasce a L’Aquila nel 1947, ed è stato per molti anni un tecnico dell’Istituto di Fisica dello Spazio Interplanetario distaccato presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso; venne alla ribalta dopo le terribili scosse avvenute nel 2008 e 2009 nel capoluogo abruzzese, perché sosteneva a gran voce di poter sapere in anticipo l’avvento di una scossa grazie alle sue conoscenze scientifiche.

Molti gravi fatti vengono fuori da questa intervista. Ad esempio racconta che a causa del suo brevetto per una ‘macchinetta piccola’ (vedi video sottostante), come modestamente la chiama e che si autofinanzierà, è stato minacciato di morte, per essere poi abbandonato e inascoltato dal suo stesso gruppo di lavoro, scienziati come lui.

Nella giornata in cui tutti faranno la loro passerella nel luogo a me molto caro, voglio regalare a tutti gli abruzzesi e non, un volto diverso della verità e del racconto, sperando che un giorno a tremare saranno le anime… ma per la bellezza.

Abruzzo

Covid-19, a Controguerra chiusa la Scuola dell’Infanzia

Pio Di Leonardo

Published

il

CONTROGUERRA – A causa di un caso di positività al Covid-19, comunicato dalla Dirigente Scolastica, di un assistente scolastico in servizio presso la Scuola dell’Infanzia di via E. Fermi nel Comune di Controguerra, il sindaco Franco Carletta ha disposto, di concerto con la Dirigente, la sospensione, in via precauzionale, delle attività didattiche della Scuola dell’Infanzia.

La sospensione parte dalla data di pubblicazione dell’ordinanza comunale (03/12/2020) e fino a nuova ordinanza sindacale e/o ulteriori disposizioni della ASL. Il sindaco ha inoltre provveduto ad incaricare un’apposita ditta per effettuare la sanificazione dell’edificio scolastico con igienizzazione, secondo quanto previsto dai protocolli sanitari vigenti.

Continua a leggere

Pescara

Pescara: al via i test sierologici rapidi nelle farmacie, risultati in 20 minuti

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

PESCARA – Nella giornata di ieri è stato attivato il servizio dei test rapidi sierologici in quasi tutte le farmacie pescaresi. I test si terranno sotto prenotazione e sarà possibile ricevere la risposta dopo 20 minuti. In caso di positività, il risultato dovrà comunque essere confermato dal tampone effettuato dal personale sanitario della Asl. Questo solo sarà in grado di rivelare la reale positività al Covid-19. Per scolari e studenti, dalla materna all’università e le loro famiglie, i tal saranno gratuiti. Per gli altri cittadini e personale scolastico (docenti e Ata) senza figli a carico, il costo del test sarà di 16 euro.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: aziende del teramano e lavoratori in ‘nero’, scattano le denunce

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

guardia di finanza

TERAMO – Sei imprese commerciali dei Teramo sono state identificate dalla Guardia di Finanza di Nereto, per aver violato le disposizioni della normativa vigente in materia di contrasto alla propagazione del Covid-19. Tra queste, quattro aziende sarebbero nella Val Vibrata tra i comuni di Colonnella, Corropoli e Sant’Omero. Inoltre, 18 persone erano impiegate completamente in ‘nero’ e fra questi, un soggetto percepiva anche il Reddito di Cittadinanza, approfittando così della situazione per avere il duplice vantaggio di non pagare alcuna imposta sul reddito percepito in ‘nero’. Per lui è scattata immediatamente la segnalazione all’Inps.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy