Sisma e arte, recuperato il ‘leone’ incastonato nelle mura della Chiesa di San Pietro e Paolo

ARQUATA DEL TRONTO – La scultura del ‘leone’ presente nella parete esterna della Chiesa di San Pietro e Paolo è stata salvata.

L’altorilievo di pietra arenatica è stato recuperato all’esterno della pericolante e antica chiesa cristiana colpita dal pesantissimo sisma di oltre 3 anni fa.

L’attività di salvataggio è stata eseguita dallo scultore Massimo Ippoliti, un’importante artista jesino conosciuto anche per i suoi restauiri svolti alla ‘Fontana dei Leoni’ e del ‘Monumento a Pergolesi’, partecipazione, la sua, volontaria e avvenuta in presenza dello storico dell’arte della Soprintendenza di Ancona Pierluigi Moriconi.

La realizzazione del salvataggio è stata possibile grazie alle innumerevoli richieste dei cittadini di Arquata, e alla colaborazione dei Carabinieri per la Tutela patrimonio culturale di Ancona e della Stazione di Arquata.

L’opera d’arte, di storica importanza, si trova attualmente all’interno del centro Agorà di Arquata.

Video e Fonte: Ansa Marche