fbpx
Connect with us

Ancona

Per l’Arpam’ le Marche migliorano la qualità del suo ‘ambiente’: eccellenza per la balneazione

Published

on

ANCONA – Aria, mare, fiumi, laghi e acque sotterranee nelle Marche dalla qualità che in generale migliora ed è eccellente per la balneazione: a confermarlo sono i dati sull’ambiente nelle relazioni pluriennali e sulla stagione balneare 2019 pubblicati dall’ARPAM (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente delle Marche) e presentati nella sede regionale questa mattina in presenza dell’assessore all’Ambiente Angelo Sciapichetti.

‘L’attenzione della Regione Marche per il tema della tutela dell’ambiente è massima, abbiamo attivato con costanza e determinazione politiche positive, convinti della necessità e improcrastinabilità dell’agire cui l’intero pianeta ci chiama. I dati ambientali – dichiara tramite comunicato della Regione l’assessore – confermano miglioramenti nello stato di qualità dell’aria, del trend stabile positivo del mare, fiumi e laghi, così come confermano, per la stagione appena trascorsa, l’eccellenza marchigiana dei litorali destinati alla balneazione.

Angelo Sciapichetti (Il Martino - ilmartino.it -)

Angelo Sciapichetti

Nell’anno che ci vede unico territorio italiano da visitare nel 2020 consigliato da ‘Lonely Planet’, che peraltro nella motivazione usa l’aggettivo “stupefacente” per definire la nostra terra, i dati dell’ARPAM rinforzano con il necessario rigore scientifico l’idea che la strada che stiamo percorrendo è quella giusta’.

Giancarlo Marchetti, Direttore Generale di ARPA Marche, ha affermato di essere ‘Orgoglioso di presentare i dati riassuntivi sulle nostre attività di monitoraggio nelle matrici acqua e aria. Assolviamo in questo modo ad uno dei nostri principali compiti, quello di comunicare alla popolazione marchigiana la qualità dell’ambiente in cui vivono e operano i cittadini.

Giancarlo Marchetti

Lo facciamo garantendo un percorso di qualità e trasparenza nella costruzione del dato, frutto di norme che ne regolano lo svolgimento e grazie alla elevata professionalità dei tecnici dell’Agenzia chiamati a svolgere tali funzioni. Mi impegno sin da ora a garantire una frequenza di informazione dei dati con cadenza annuale in modo tale da rispondere al meglio alle necessità di conoscenza ambientale sia dei cittadini sia della Regione che deve compiere a valle azioni di pianificazione a riguardo’.

Le relazioni triennali dell’ARPAM sulla qualità dell’aria, dei corpi idrici fluviali, marino costieri e lacustri, delle acque sotterranee e quella annuale sulla stagione di balneazione 2019, forniscono un quadro ricco di dati e informazioni organizzati secondo parametri dettati dalle norme nazionali e comunitarie in vigore sullo stato dell’ambiente nella regione.

Per quanto concerne la qualità dell’ARIA i dati presentati sono rilevati nel quadriennio 2015-2018 dagli strumenti installati presso i laboratori mobili (2) e le stazioni fisse (17 stazioni dotate di 93 analizzatori), e da risultati di analisi di laboratorio. Il quadro di sintesi fornisce risultati positivi e nella maggioranza dei casi con trend degli inquinanti in significativa diminuzione rispetto alle serie storiche. La criticità è nella presenza di Ozono nei mesi estivi ma nel corso del 2018 non sono stati registrati superamenti della soglia di informazione e quindi anche di allarme, in miglioramento rispetto agli anni precedenti.

Per i FIUMI nella regione Marche sono stati individuati e tipizzati 185 corpi idrici fluviali; la rete di monitoraggio ARPAM è composta da 124 stazioni di campionamento, di cui 106 monitorate nel triennio 2015-2017. L’83% dei corpi idrici naturali è collocato nelle classi buona e sufficiente, il 17% in stato scarso e nessuno in quello cattivo. I corsi d’acqua fortemente modificati presentano il 58% di corpi idrici in classe buona e sufficiente, il 36% in classe scarsa ed il 6% in classe cattiva. Nelle Marche, lo stato chimico del 78% dei corpi idrici naturali si colloca in classe buona, percentuale che si assesta al 61% per ciò che riguarda i corsi d’acqua fortemente modificati. Il trend è stabile nell’ 88% dei casi nel periodo 2013-2017, in aumento nell’ 1% e in diminuzione nell’11%.

LAGHI: Dei sette corpi idrici lacustri presenti nella rete di monitoraggio della regione, tutti artificiali, sono sei (Mercatale, Castreccioni, Gerosa, Fiastrone, Polverina e Borgiano) quelli monitorati dall’ARPAM nel triennio 2015-2017. Confermata la classificazione sufficiente dello stato ecologico dei laghi rilevata nel triennio precedente, ad eccezione del lago di Mercatale che ha registrato un miglioramento raggiungendo uno stato di qualità ecologica buono, pur compiendo una flessione per ciò che riguarda lo stato chimico.

I CORPI IDRICI MARINO COSTIERI: nel triennio 2015-2017 i parametri riferiti al fitoplancton e ai macroinvertebrati bentonici confermano i buoni risultati del triennio precedente, registrando un miglioramento più sensibile del primo parametro, che passa in 8 stazioni su 10 dalla classe sufficiente a quella elevata; la medesima classificazione (elevata) rimane complessivamente stabile per quanto riguarda i macroinvertebrati bentonici, che rappresentano un buon indicatore ambientale in quanto particolarmente sensibili a stress ambientali ed inquinanti chimici. La classificazione tra buono e sufficiente di tutti gli altri parametri considerati (elementi fisico-chimici e chimici) determina per tutti i litorali marchigiani uno stato ecologico complessivo collocato in classe buona: nei tratti Pesaro-Fano, Senigallia-Ancona e Numana-Porto Recanati, lo stato ecologico risulta sufficiente. Lo stato chimico nella maggioranza dei casi è buono.

LE ACQUE SOTTERRANEE: La rete è costituita da 233 stazioni, di cui 130 pozzi e 103 sorgenti. Sono ad uso idropotabile 183 stazioni, 28 vengono utilizzate prevalentemente per il monitoraggio, 21 sono dedicate ad altri usi (irriguo, famigliare, anti incendio, etc..) ed una per uso industriale. Nel triennio i campioni analizzati sono stati 682, mentre sommano a 927 le misurazioni di portata e di soggiacenza. I parametri determinati, individuati dalla normativa, sono stati 94.000. La qualità delle acque sotterranee mostra una condizione generalmente “buona” (83% per un totale di 190 stazioni) nelle aree interne e di montagna, mentre sono presenti alcuni siti con stato chimico “non buono” in aree a maggiore antropizzazione lungo la fascia costiera.

LE ACQUE DI BALNEAZIONE: Nei 173 chilometri della costa marchigiana, sono 242 i punti di prelievo sui quali l’ARPAM ha effettuato i propri controlli, a cui si aggiungono i 9 bacini interni balneabili nei territori di Caldarola, Cingoli, Fiastra, Serrapetrona e Ascoli Piceno, per un totale complessivo di 2250 campioni prelevati e analizzati dalla fine di aprile al 30 settembre. Nella stagione 2019 le acque di balneazione marchigiane hanno visto attribuire la classe eccellente in 200 casi e quella buona in 31 casi, confermando le ottime prestazioni del nostro litorale nel 92% dei punti monitorati. Rispetto al 2018 sono 7 i punti che migliorano la classificazione. Sono invece 11 quelli che hanno registrato un peggioramento, ma occorre in questi casi tener conto dell’elevata piovosità registrata in particolare nel corso di tutto il mese di maggio e della conseguente natura poco favorevole alla classificazione dei relativi campioni. Permangono nella classe scarsa, senza variazioni rispetto all’anno precedente, soltanto 9 punti di campionamento, caratterizzati però dalla particolare ubicazione in prossimità della foce dei fiumi Musone, Potenza e Chienti dove le acque, a causa delle precipitazioni mensili superiori alla media degli ultimi 20 anni per la maggior parte del periodo estivo, hanno subito l’apporto di carichi potenzialmente inquinanti.

Ancona

“La donna nel mondo del lavoro e nel sociale”, dibattito a Monte San Vito

Published

on

“La donna nel mondo del lavoro e nel sociale”, dibattito a Monte San Vito

ANCONA – Il Circolo PD di Monte San Vito torna in presenza e lo fa rimettendo al centro della propria discussione i temi cari alla sinistra, che però negli ultimi anni sono apparsi appannati: il Lavoro e le Donne. E lo fa con uno degli attori principali, il Sindacato.  Presenti infatti al dibattito “La donna nel mondo del lavoro e nel sociale”, tenutosi lo scorso lunedì 27 giugno, Tiziana Mosca per la CGIL, Cristiana Ilari per la CISL e Claudia Mazzucchelli per la UIL. In sala anche Maurizio Mangialardi, capogruppo PD, Barbara Micheluzzi per l’ANPI e Donato Acampora, Segretario del Circolo.

«Veniamo da anni difficili, e non parlo solo della nostra Regione -afferma Acanfora – È evidente che qualcosa non ha più funzionato, non basta più un marchio di sinistra per attrarre consensi, serve rimettere la gente, e le sue problematiche, al centro della nostra discussione. L’era degli “idoli” e degli uomini soli al potere e l’era del populismo hanno fallito».

«Abbiamo scelto per questa prima uscita pubblica il tema “Lavoro” – prosegue Acanfora – un tema sempre attuale in particolar modo legato al “salario minimo”. La recente accelerazione Europea sul tema, seppur non ponendo obblighi ai Paesi, ha sicuramente stimolato il nostro Parlamento, in particolare la nostra area politica, a ragionamenti più completi e complessi che potrebbero presto concretizzarsi. Il mio auspicio è che questo passaggio delicato avvenga coinvolgendo le parti sociali, anche attraverso una legge sulla rappresentanza. Impostare il salario minimo senza legittimare gli attori principali del tema sarebbe un suicidio sociale, lasciando il calcolo del salario alla mercé della “pirateria” di piccoli sindacati non rappresentativi e nati solo per accordi di comodo con le parti datoriali».

«L’altro tema della serata rappresenta per me la vera questione morale, la “Donna”, un tema complicatissimo. Ne parliamo da anni e le cose non sembrano cambiate, restiamo ancora ancorati alle odiose “quote rosa”. Emblematico il fatto che nella stessa giornata in cui noi cercavamo, insieme alle 3 sindacaliste intervenute al dibattito “La donna nel mondo del lavoro e nel sociale”, di parlare di Donne e delle eterne problematiche legate al lavoro, e non solo, negli Stati Uniti veniva abolito dalla Corte Suprema il diritto all’aborto. Un emblema delle grandi contraddizioni dei nostri tempi».

«Le donne rappresentano un valore aggiunto inestimabile per la nostra società – conclude il segretario del circolo locale del PD – e per il ruolo che loro, anche laddove non richiesto, riescono a svolgere con naturalezza. Rappresentano quel “porto sicuro” verso il quale tutti (società ed istituzioni) ripieghiamo sicuri di essere accolti. Di fronte ad una problematica di tipo famigliare, ci si aspetta, con drammatica naturalezza, che la donna se ne faccia carico. Servono provvedimenti chiari e concreti, intervenendo sulla conciliazione dei tempi vita/lavoro e sensibilizzando le parti datoriali sul tema, intervenendo con aiuti concreti, ad esempio rendendo gli asili nido più capillari e gratuiti, almeno sotto una certa soglia di reddito. Il PNRR ci offre immense possibilità di crescita in settori strategici, facciamolo».

Continue Reading

Ancona

Covid-19, boom di contagi nelle Marche (2.445), ma nessun decesso

Published

on

ANCONA – Impennata di nuovi casi covid, 2.445 nelle ultime 24 ore (ieri erano 693, e di ricoveri che salgono a 86, +7 su ieri, nelle Marche, dove il tasso di incidenza cumulativo schizza a 627,93 su 100mila abitanti (ieri 557,65).

Come riporta l’Ansa, son si registrano però nuovi decessi e il totale delle vittime resta fermo a 3.935.

Invariato il numero dei pazienti in terapia intensiva, 3, aumenta quello dei degenti nelle semintensive, 9, e nei reparti non intenisivi, 74. Ci sono poi 15 persone in osservazione nei pronto soccorso e 19 ospiti in strutture territoriali post critiche. Sono 12.400 le persone in quarantena o in isolamento domiciliare, delle quali 172 con sintomi. 

Continue Reading

Ancona

Navette per la fioritura di Castelluccio, esordio ok per la Regione Marche

Published

on

ANCONA – Navette per Castelluccio, primo weekend in archivio con un bilancio positivo e oltre 1.500 persone trasportate. Nei weekend del 25-26 giugno, 2-3 e 9-10 luglio 2022 per favorire l’accesso dei visitatori al Parco Nazionale dei Monti Sibillini e godere della “Fioritura di Castelluccio”, mantenendo una condizione di sicurezza nel rispetto anche delle indicazioni e limitazioni stradali, sono stati attivati servizi autobus dedicati per raggiungere la Pian Grande di Castelluccio di Norcia dal versante marchigiano (Visso/Castelsantangelo sul Nera, con prima partenza da Maddalena di Muccia e Pieve Torina) e un servizio di sosta e navetta dal parcheggio di Monte Prata (Comune di Castelsantangelo sul Nera) fino alla Pian Grande.

“Il servizio messo a disposizione dell’utenza per regolamentare l’accesso alla piana della frazione umbra nel periodo della spettacolare fioritura – ha commentato l’assessore alla Ricostruzione e Trasporti Guido Castelli – ha visto l’apporto fondamentale della Regione, che d’intesa con il Parco e i sindaci dei Comuni di Arquata e Castelsantangelo sul Nera – ha stanziato un contributo di 25.000 euro per le partenze dal versante marchigiano.  Dopo il “battesimo” del fine settimana del 25 e 26 giugno, i bus saranno attivi con partenze da Arquata, Visso e Monte Prata (Castelsantangelo sul Nera), anche il 2-3 luglio e il 9-10 luglio. Voglio ringraziare le aziende Start e Contram per la professionalità e lo scrupolo con cui hanno garantito il servizio”.

«Il bilancio del primo weekend è sicuramente positivo – spiega Enrico Diomedi, presidente della Start – Dallo snodo di Forca di Presta, nel comune di Arquata, abbiamo trasportato circa 600 passeggeri nei due giorni, ma siamo pronti ad aggiungere una navetta e ad attivare un altro punto parcheggi in caso di necessità. La soddisfazione dell’utenza è dettata anche dalla politica dei prezzi contenuti che abbiamo deciso di adottare».  

Stesso mood anche per il servizio attivato dalla Contram dal versante maceratese, che nell’ultimo week end ha condotto sul Pian Grande di Castelluccio un migliaio di persone.

«Dal prossimo weekend aggiungeremo un bus dalla partenza del Monte Prata per meglio gestire il flusso, visto che abbiamo dei numeri in crescita – precisa il presidente Stefano Belardinelli – Le adesso previsioni della vigilia sono state rispettate e i feedback ricevuti hanno mostrato soddisfazione. Possiamo affermare con decisione che l’esperimento funziona, grazie anche al sistema di prenotazione tramite app che ci consente di monitorare costantemente la situazione».

Si ricorda che il parcheggio “Forca di Presta” ha una capienza di circa 120 autovetture e il costo della navetta è di 3 euro andata/ritorno. È obbligatorio prenotare la navetta per accedere al parcheggio esclusivamente dal portale online ParchiAperti”.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.