fbpx
Connect with us

Marche

Rogo Ballarin: “Vecchia Onda” ricorda

39 anni fa la tragedia del “Ballarin”: due morti, oltre cento feriti

Pubblicato

il

7 giugno 2020. Gradinata Sud del Ballarin. Il ricordo della "Vecchia Onda"

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Era domenica, come oggi, quel maledetto 7 giugno di trentanove anni fa.

Una calda, caldissima giornata di fine Primavera con San Benedetto del Tronto che si svegliava in attesa dell’ultimo incontro di campionato della Sambenedettese in casa contro il Matera.

I rossoblu di Nedo Sonetti e Walter Zenga pronti a festeggiare con i suoi tifosi il ritorno immediato in serie B.

Il “Ballarin”, lo stadio sambenedettese, già pieno come un uovo due ore prima del fischio d’inizio.

La gradinata Sud al limite della capienza con 3500 persone, stipate, con il Cuore della tifoseria pronta ad accogliere con fumogeni e carta i propri beniamini, all’entrata in campo, cinque minuti prima delle 17.

Proprio in quel momento si sviluppava un incendio che coinvolgeva tutto il settore che in pochi secondi diventava un inferno. Vie di fuga serrate con chiavi di cancelli che non si trovano. Quintali di carta che cominciano a bruciare. Panico, fuggi fuggi generale. Persone che cercano un pertugio per scappare dal fuoco. Tifosi che, per disperazione, si lanciano da cinque, sei metri; altri che scavalcano la recinzione di ferro per entrare in salvo sul manto erboso.

Donne, anziani e bambini rimangono coinvolti.

A morire dopo giorni di atroci sofferenze saranno due giovanissime ragazze, Maria Teresa Napoleoni, 23 anni, segretaria di un noto calzaturificio della città e Carla Bisirri, 21 anni, parrucchiera nella zona Agraria di Porto d’Ascoli.

Oltre cento feriti.

Una Tragedia.

Oggi, domenica 7 giugno 2020, a ricordare quella maledetta giornata i ragazzi della “Vecchia Onda”.

Tre le tappe fondamentali del ricordo, iniziato alle 10 e 30 di questa mattina: la commemorazione sui gradoni del “Fratelli Ballarin”, là dove quel giorno ancora battevano i Cuori di Maria Teresa e Carla, e l’omaggio floreale sulle tombe delle due sfortunatissime ragazze, tifose della Samb, nei rispettivi cimiteri di San Benedetto del Tronto e Monteprandone.

Una tragedia che la “Vecchia Onda” ha voluto commemorare con tutto il Cuore, nel ricordo di una giornata che non dimenticheremo mai e non dovremmo dimenticare, mai!!!

Un plauso ai ragazzi della “Vecchia Onda”, sempre presenti e memori del sacrificio di Carla e Maria Teresa, decedute tra mille bandiere rossoblu in un giorno di festa, diventata tragedia.


Fonte: 7 giugno 1981: tragedia rossoblù, tragedia cittadina…

Macerata

Covid-19, torna il camper per le vaccinazioni a Civitanova

Pubblicato

il

CIVITANOVA MARCHE – Sabato 23 ottobre 2021, dalle ore 15,00 alle 20,00, torna nella zona portuale (largo Donatori di sangue) l’unità mobile per la vaccinazione, in collaborazione con l’Asur Marche. Non è necessaria la prenotazione, basta recarsi presso il punto stabilito muniti di tessera sanitaria e documento di riconoscimento in corso di validità.

Le inoculazioni saranno effettuate a tutte le persone di età superiore ai dodici anni e i minori dovranno essere accompagnati da chi esercita la potestà genitoriale o da un tutore. E’ consigliato portare la modulistica già compilata da consegnare al personale sanitario.

Continua a leggere

Marche

Pesaro, la GdF confisca 353mila euro ad un evasore fiscale

Pubblicato

il

PESARO – La Compagnia della Guardia di Finanza di Urbino, su disposizione del Tribunale di Urbino, ha eseguito la confisca di quote di proprietà di sei fabbricati, sette terreni e saldi nei conti correnti, per un totale di circa 353.000 euro, nella disponibilità di un imprenditore edile condannato per evasione fiscale, in quanto aveva omesso di presentare le dichiarazioni fiscali per gli anni 2010 e 2011.
Il tutto nasce dall’esito di una verifica fiscale effettuata alla ditta individuale dell’uomo dalla Compagnia di Urbino: i finanzieri, rilevando imposte evase superiori alle soglie previste dalla normativa penale, avevano provveduto a presentare la comunicazione della notizia di reato alla locale Procura della Repubblica per i reati di omessa presentazione.
Le conseguenti indagini condotte dalla predetta Autorità Giudiziaria portarono l’imprenditore a giudizio conclusosi, appunto, con la sentenza di condanna pronunciata dal Tribunale di Urbino e all’emissione di un decreto di confisca di denaro e beni fino alla concorrenza dell’importo dell’evasione fiscale.
La Guardia di Finanza si è, quindi, adoperata per individuare le concrete e attuali disponibilità economiche dell’uomo, tramite accertamenti bancari e la consultazione della banca dati in uso al Corpo: tale attività ha permesso non solo di individuare e confiscare tutti i conti correnti presentanti saldi attivi, ma anche di risalire alle numerose possidenze immobiliari dell’uomo, consentendo di recuperare gli importi oggetto di evasione.
Queste confische testimoniano l’impegno del Corpo a perseguire compiutamente l’evasione fiscale non solo in un’ottica sanzionatoria nei confronti dei responsabili, ma anche con lo scopo di recuperare risorse da distribuire equamente alla collettività, andando a rafforzare gli sforzi pubblici e privati per il rilancio dell’economia del Paese.

Continua a leggere

Fermo

A14: auto contro furgone, traffico in tilt

Pubblicato

il

PORTO SAN GIORGIO – Lo scontro è avvenuto nella giornata di ieri sull’autostrada A14 intorno alle 12 e 30 all’altezza del casello di Porto San Giorgio. Rimasti coinvolti due veicoli, un’auto e un furgone. Sul posto i sanitari del 118 per soccorrere i due conducenti rimasti feriti. L’incidente ha provocato ben tre chilometri di coda.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy