fbpx
Connect with us

Ancona

Regione Marche, Castelli: “Primi passi per creare la zona economica speciale”

Pubblicato

il

ANCONA – L’assessore regionale al Bilancio Guido Castelli, d’intesa con il Presidente della Commissione Bilancio Renzo Marinelli e al Presidente della Commissione Attività Produttive Andrea Putzu ha promosso un tavolo di lavoro finalizzato alla verifica preliminare delle condizioni utili e necessarie per la istituzione di una Zona Economica Speciale nella nostra regione, un obiettivo molto caro al Presidente Acquaroli. A questo proposito si è svolto un incontro in videoconferenza tra i componenti del tavolo tra cui docenti universitari di UNICAM e UNIMC nonchè rappresentanti delle professioni e delle categorie unitamente ai dirigenti competenti della Regione, allo scopo di tracciare una road map di azioni finalizzate a sviluppare la strategia regionale per la ZES marchigiana cosi come già previsto dal primo DEFR della Giunta Acquaroli. 

“L’obiettivo della riunione – ha sottolineato Castelli – è stato quello di elaborare un documento utile alla giunta regionale per verificare tempi, modalità e termini per l’istituzione nel territorio marchigiano di una Zes. Vorremmo che la politica regionale, riferita a questo ambito, potesse auspicabilmente entro l’estate disporre di un quadro prospettico che consenta di comprendere quali sono le formule che possono accompagnare la procedura amministrativa per la creazione della Zes e preliminarmente chiarire alcuni aspetti. Esistono in effetti alcune criticità da esaminare. Ad esempio, se e quanto (a legislazione vigente) costituisca un ostacolo il fatto che il porto di Ancona sia stato indicato, anche su disposizione dell’Autorità portuale anconetana, quale HUB di riferimento della Zes abruzzese. Altro necessario approfondimento è quello utile a verificare se il Ministero del Sud e della Coesione sociale (che recentemente ha rafforzato la dotazione finanziaria delle Zes) voglia limitare lo strumento alle sole aree del Sud o se, al contrario, intenda includere anche quei territori che, al pari delle Marche, sono state classificati in transizione. Si consideri che il Ministro Carfagna, in una recente audizione in Parlamento ha espressamente fatto riferimento ad una nuova regolazione delle zone economiche speciali. La Zes potrebbe rappresentare ” – ha concluso Castelli – ” non solo uno straordinario strumento di defiscalizzazione per le imprese marchigiane ma anche il perno di una programmazione regionale che, partendo dal Porto di Ancona, ritrovi finalmente quella unitarietà e quella sistematicità di cui avvertiamo sempre di più l’esigenza. Le ZES nascono come strategie di sviluppo delle aree retroportuali e il Porto di Ancona ha il rango necessario per svolgere questa funzione. Qualora tuttavia la strada della ZES dovesse risultare impraticabile dovremmo orientarci verso una Zona Logistica Speciale che, pur non presentando la stessa capacità di riprodurre franchigie fiscali propria della ZES, rappresenterebbe comunque uno strumento di pianificazione territoriali degna di nota e meritevole di attenzione.”

Ancona

Incidente sulla A14: tir in fiamme

Pubblicato

il

ANCONA – L’incidente è avvenuto nella serata di ieri, intorno alle 17.30 sull’autostrada A14, tra Ancona sud e Ancona nord in direzione Bologna. Lo scontro ha visto coinvolti un tir, che avrebbe preso fuoco e due auto. Sul posto, il 118 per prestare soccorso all persona rimasta ferita. Conseguentemente si sono verificati pesati disagi alla viabilità.

Continua a leggere

Ancona

Ordine Psicologi Marche sulla scuola: “La dad va evitata a qualsiasi costo”

Pubblicato

il

classe - gli studenti tornano a scuola

ANCONA – Sono oltre 210 mila gli alunni marchigiani di ogni ordine e grado che domani tornano sui banchi di scuola. Dopo quasi due anni di didattica a distanza, l’imperativo secondo l’Ordine degli Psicologi delle Marche è scongiurare a qualsiasi costo l’interruzione della scuola in presenza, per cercare lentamente di tornare alla normalità, continuando ad adottare le necessarie misure di sicurezza.

“Tornare alla stessa situazione degli ultimi due anni scolastici, quindi con la didattica a distanza a singhiozzo, è uno scenario che dobbiamo a tutti i costi riuscire ad evitare – commenta la Presidente dell’Ordine degli Psicologi Katia Marilungo, che prosegue – Per alunni, famiglie e personale scolastico la preoccupazione maggiore ad un passo dall’inizio di un nuovo anno scolastico è costituita dalla continuità della scuola e dalla gestione delle eventuali quarantene”.

Secondo l’Osservatorio epidemiologico della Regione Marche a fine agosto erano quasi 7 studenti marchigiani su 10, di età compresa fra i 16 e i 19 anni, ad aver ricevuto almeno una dose di vaccino. Negli studenti fra i 12 ed i 15 anni la percentuale scenderebbe al 45,7%. 

“Le problematiche di natura psicologica che potrebbero insorgere durante l’anno scolastico che sta per iniziare verrebbero irrimediabilmente acuite in caso di un ritorno alla dad, motivo per cui come Ordine invitiamo tutti al rispetto delle regole, nonché all’assunzione di comportamenti responsabili verso la salute per scongiurare un innalzamento dei contagi con l’inizio delle lezioni in presenza” continua la Presidente Katia Marilungo.

Nel caso di un ritorno alla didattica a distanza l’OPM avverte: “Con la dad si perderebbero ancora una volta la libertà alla socializzazione di cui i ragazzi hanno bisogno e che proprio ora sentono di aver riconquistato, oltre alla possibilità di accedere alle attività sportive, fondamentali per il benessere psicofisico.” Fra i malesseri registrati dall’Ordine degli Psicologi marchigiani in occasione dell’ultimo anno scolastico, oltre a stress e ansia, in occasione dell’ultimo anno scolastico era stata registrata anche la cosiddetta sindrome dell’on-line brain: la prolungata permanenza davanti allo schermo ha creato, soprattutto nei più piccoli, avrebbe infatti provocato una sorta di disagio, i cui effetti possono tradursi in riduzione della memoria a breve termine e difficoltà a concentrarsi.

Quello alle porte è un anno scolastico con una novità importante per la psicologia marchigiana: per la prima volta la regione Marche ha a disposizione il servizio di psicologia scolastica, approvato il 4 agosto scorso dal Consiglio regionale. “L’Ordine che rappresento, unitamente alla Regione Marche, non ha mai smesso di lavorare a questo fondamentale servizio ed a breve si procederà, come prevede la Legge, all’organizzazione del tavolo tecnico che avvierà un confronto tecnico scientifico su metodologia e strumenti operativi.” conclude la Presidente Katia Marilungo.

Continua a leggere

Ancona

Coldiretti Marche, miele in crisi: “La Regione sostenga il settore”

Pubblicato

il

ANCONA – “È necessario un intervento straordinario a sostegno del settore apistico regionale gravemente danneggiato dalla siccità. Le aziende sono in difficoltà estrema”. Coldiretti Marche ha raccolto l’sos dei 3200 apicoltori marchigiani alle prese con i cambiamenti climatici, con la necessità di nutrire gli sciami, stremati dal caldo e dalla mancanza di polline e con importanti cali produttivi e chiama la Regione a intervenire. La situazione è al limite. Dall’inizio dell’anno, siccità, bruschi cali di temperatura ed eventi estremi, hanno ridotto ai minimi termini la produzione di miele di acacia, penalizzato quella di millefiori primaverile ed estivo. Il settore del miele rappresenta per molte aziende agricole un’importante componente di reddito. Nel giro di 5 anni le attività sono cresciute di oltre il 65% nella nostra regione.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy