fbpx
Connect with us

Ancona

Marche, pillola anticovid alla prova dei fatti: prime somministrazioni su pazienti

A darne l’annuncio l’assessore alla sanità Saltamartini. Nuovo esperimento all’ospedale Marche Nord con monoclonali e il Remdesivir

Published

on

Marche, prime somministrazioni antivirale

ANCONA – Prime somministrazioni nelle Marche del nuovo farmaco di recente approvazione Molnupiravir. A darne l’annuncio è stato l’assessore alla sanità regionale Filippo Saltamartini nei suoi canali social.

La pillola antivirale, distribuita in compresse, è stata prescritta dall’Usca per la prima volta nella giornata del 6 gennaio in seguito ad una visita domiciliare. Sussistendo infatti i presupposti per avviare il trattamento a beneficio di un paziente covid di Roccafluvione (Ascoli Piceno), l’Usca ha provveduto a segnalarne l’assunzione all’Aifa per la registrazione nel registro di monitoraggio e consegnato direttamente a casa del paziente il farmaco.

Nella stessa giornata un’altra prescrizione è stata fatta da un medico di medicina generale coordinatore Usca per un altro paziente dell’ascolano che presentava tutte le condizioni cliniche per poter avviare immediatamente il trattamento.

L’Antivirale, stando alla determinazione Aifa del 29 dicembre 2021, può essere somministrato entro cinque giorni dall’insorgenza dei sintomi e solo su pazienti non ospedalizzati. La durata del trattamento prevede l’assunzione di 4 compresse due volte al giorno per cinque giorni complessivi.

A Pesaro l’azienda Ospedaliera Marche Nord ha invece avviato un percorso sperimentale, per pazienti covid che si recano al pronto soccorso, che si basa sull’assunzione di anticorpi monoclonali e la somministrazione dell’antivirale Remdesivir. Per quest’ultimo infatti, pur essendo disponibile da tempo, si sta testando una nuova modalità di somministrazione ( per via endovenosa ma entro i primi giorni dai sintomi) e senza necessità del ricovero in ospedale: «un recente studio pubblicato dal New England Journal of Medicine – ha scritto l’assessore regionale – dimostra che così somministrato il farmaco produce la riduzione dell’80% dell’evoluzione della malattia e del ricovero»

Buone notizie infine sul fronte dei vaccini: lo stesso Saltamartini ha annunciato che, da quanto trapela dal Ministero, il Novavax potrebbe essere disponibile entro la fine di questo mese.

Ancona

Caro bollette, Regione Marche: “Appello alle banche locali per un aiuto a chi è in difficoltà

Published

on

ANCONA – “Il pacchetto di aiuti messo in campo da Intesa Sanpaolo, a sostegno delle imprese e delle famiglie per il rincaro dell’energia e gli aumenti di spesa, testimonia l’attenzione dell’istituto bancario e, in generale, del sistema del credito, alle esigenze impellenti del nostro sistema produttivo e per la tenuta sociale del nostro Paese. Siamo di fronte a una vera e propria emergenza che occorre affrontare con immediatezza e decisione, con strumenti eccezionali e importanti”.

Lo afferma il vicepresidente della Giunta regionale delle Marche e assessore allo Sviluppo economico. Mirco Carloni plaude al pacchetto di aiuti promosso da Intesa Sanpaolo (ulteriori 8 milioni alle famiglie, per complessivi di 30 milioni messi a disposizione di imprese e famiglie) e lancia un appello anche nei confronti del sistema del credito locale per un rapido intervento contro il caro bollette che rischia di mettere a terra l’intero sistema produttivo italiano e regionale, oltre che milioni di famiglie.

L’auspicio è che altre realtà nazionali e locali possano seguire l’esempio, affiancando le misure urgenti che il Governo nazionale dovrà necessariamente predisporre a breve:

“Dobbiamo agire e in fretta – dichiara Carloni – Per fare questo serve uno sforzo congiunto. Istituzioni pubbliche ma anche sistema del credito, sia nazionale che locale, devono agire insieme per andare incontro alle esigenze delle nostre piccole e medie imprese, scongiurandone così la crisi. Gli aumenti dei costi energetici impatteranno in maniera pesante sull’intera economia, con ricadute drammatiche in termini di produzione e occupazione, se non si attueranno interventi mirati”.

Continue Reading

Ancona

La Regione Marche aderisce al progetto “Diversamente uguali” per minori ciechi o ipovedenti

Published

on

ANCONA – La Regione Marche sarà partner del progetto “Diversamente uguali” dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – Consiglio Regionale Marche da realizzare attraverso il Bando promosso dalla Fondazione “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. L’iniziativa si propone di garantire la piena partecipazione alla vita sociale e scolastica dei minori con disabilità in condizioni di povertà educativa.

“Nelle Marche – spiega l’assessore alla Sanità e alle Politiche Sociali Filippo Saltamartini – ci sono più di 1300 persone cieche o ipovedenti, di queste una settantina sono in età scolare, tra i 3 e i 18 anni. E’ nostro compito garantire loro le stesse opportunità di crescita e formazione, supportando le famiglie. Questo progetto è uno dei tanti a cui abbiamo deciso di aderire. Ricordo inoltre, che la Giornata Mondiale della Vista quest’anno cade il 13 ottobre, e che l’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) in questa occasione organizzerà appuntamenti di sensibilizzazione e screening itineranti anche nella nostra regione”.

In sintesi le azioni che si intendono realizzare con il progetto “Diversamente uguali” sono:
– Sostegno alle famiglie di ragazzi con disabilità (fascia 6-18 anni), incluso il supporto ai “siblings” (fratelli/sorelle):
o sperimentando le opportunità di accesso a luoghi di ritrovo per ragazzi, già operativi e sensibili al tema della disabilità (es. oratori);
o prevedendo un sostegno psicologico ai familiari;
o ipotizzando la creazione di sportelli informativi per il supporto alle famiglie per una efficace presa in carico dei figli con disabilità;
– Formazione mirata per docenti, di sostegno e non, tramite piattaforma SOFIA, ma anche per educatori, tutor o altre figure che si interfacciano con i minori disabili, per la didattica speciale ma anche per promuovere fra i ragazzi l’acquisizione di competenze legate alla socialità, al protagonismo e alla costruzione del proprio progetto di vita.

La Regione Marche – Direzione Politiche Sociali – Settore Contrasto al Disagio, ha prontamente aderito a tale progettualità forte delle esperienze pregresse nell’ambito della tematica trattata nel progetto, infatti in virtù della L.R. 18/96 la Regione attua su tutto il territorio regionale interventi rivolti alle persone con disabilità tra cui in particolare quello relativo all’Integrazione scolastica degli alunni disabili per facilitarne l’apprendimento e soprattutto le relazioni nell’ambiente scolastico e sociale.

Continue Reading

Ancona

Fabriano, shock anafilattico per le punture dei calabroni nel bosco di Valleremita

Published

on

shock-anafilattico-punture-calabroni-valleremita

Il dipendente di una ditta di legnami stava passeggiando in un bosco per tagliare della legna, quando è stato investito da uno sciame di calabroni ed ha riportato diverse punture che gli hanno provocato uno shock anafilattico. Al momento della richiesta di soccorso, i mezzi dei sanitari e quelli di soccorso erano impegnati nell’incendio nella galleria lungo la Statale 76. Intervento salvavita di una volante della polizia in attesa dell’eliambulanza.

FABRIANO – Stava passeggiando nel bosco di Valleremita insieme ad un collega, quando, intorno alle 9:45, è stato investito da uno sciame di calabroni e trafitto da diverse punture, che gli hanno provocato uno shock anafilattico. Lo sfortunato protagonista di questa vicenda è un dipendente di una ditta di legnami in cerca di legna da tagliare, che è stato investito da una ventina di punture.

Immediatamente ha avvertito un forte dolore, ma a poco a poco ha iniziato a manifestare difficoltà respiratorie. A lanciare l’allarme, la persona che era con lui che lo ha aiutato a raggiungere il mezzo con cui erano arrivati e a lanciar l’allrme.

I mezzi sanitari e quelli di soccorso però erano impegnati in un altro intervento di soccorso, in una galleria lungo la statale 76, dove un’auto è andata a fuoco. Nell’attesa che i soccorsi di tipo sanitario fossero disponibili, una volante della polizia del Commissariato di Fabriano si è precipitata sul posto a sirene spiegate, per individuare i due.

Questi erano nei pressi dell’uscita di Fabriano Ovest, presso la rotatoria Cancelli. I poliziotti hanno assistito l’uomo colpito da shock anafilattico a causa delle punture dei calabroni, in attesa dell’arrivo dell’eliambulanza, che ha individuato facilmente il luogo dell’atterraggio: era segnalato dalle luci blu della volante.

Una volta a terra il personale medico si è messo subito all’opera ed ha praticato all’uomo, che nel frattempo aveva perduto i sensi, gli interventi salvavita, che sono risultati determinanti. Una volta che le sue condizioni lo hanno concesso, il ferito è stato immediatamente trasferito all’ospedale di torrette di Ancona.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.