fbpx
Connect with us

Abruzzo

Pepe su Pesca Sportiva: “La Giunta regionale impedisce di andare liberamente a pesca”

Published

on

TERAMO – Con l’approvazione del calendario ittico per la stagione 2022, la Regione Abruzzo ha limitato la disciplina della pesca sportiva ai suoi tratti esterni ai Parchi nazionali, regionali e riserve naturali.

L’adozione di questo importante strumento a pochi giorni all’apertura della pesca ha creato una situazione di forte incertezza nei tanti Pescasportivi abruzzesi che da sempre praticavano la loro passione in quei tratti fluviali, in particolare nella Provincia di Teramo dove in molti si sono visti redarguire dagli agenti di controllo, anch’essi in mancanza di notizie certe” afferma il Consigliere e Vice Capogruppo Regionale del Pd Dino Pepe

“Considerando che la trota vive esclusivamente nei torrenti montani, i quali rientrano per la stragrande maggioranza proprio all’interno dei parchi, di fatto la norma inserita ha limitato fortemente la pesca sportiva alla trota in tutto il territorio regionaleSi tratta di un provvedimento del tutto ingiustificato, visto che sia la Legge su Parchi 394/92, sia quella regionale sulla pesca sportiva prevedono tale attività nella zona 2 dei Parchi (quella più esterna), considerando evidentemente una attività integrata ed ecosostenibile rispetto alle finalità della salvaguardia dell’ambiente in particolare con le sue varianti della pesca senza ardiglione, No-kill ecc” spiega l’ex Assessore all’Agricoltura Pepe.

“L’iniquità di questa norma regionale risiede nell’aver creato, del tutto immotivatamente un profondo vuoto normativo senza precedenti, rimpallando le proprie responsabilità (dato che ripeto è la Regione a disciplinare la Pesca Sportiva nelle acque interne), disinteressandosi completamente dell’interesse dei Pescasportivi. Questo Va ad aggiungersi alle altre carenze nella materia della Pesca Sportiva come il rilascio dei tesserini di cattura prorogati per anni e mai ritirati e verificati dall’Ente, poi rilasciati con il solo accesso con SPID, poi ancora prorogati, alla mancanza totale di ripopolamenti ittici rendendo vani i versamenti annuali dei pescatori i cui introiti avrebbero invece proprio detta destinazione, ecc.” prosegue il Consigliere regionale Pepe .

L’ennesimo episodio la dice lunga, semmai ci fosse bisogno di ripeterlo, sul funzionamento degli Uffici regionali che si occupano della materia e che rispecchia francamente il degrado organico e la confusione con cui l’attuale Giunta regionale affronta le varie tematiche. Chiediamo dunque all’Assessore Imprudente di modificare nell’immediato il Calendario Ittico ripristinando al più presto la situazione originaria che disciplina nel pieno rispetto della normativa nazionale e regionale la Pesca Sportiva nei tratti fluviali ricompresi nei Parchi e nelle Riserve” conclude Dino Pepe.

Teramo

Bonificata la discarica abusiva alla Fonte del Latte a Castagneto

Published

on

discarica-abusiva-fonte-del-latte-castagneto-teramo

TERAMO – Su disposizione della Provincia il personale della Team questa mattina ha bonificato una discarica abusiva a Fonte del Latte, in località Castagneto. Lungo la provinciale 50, che attraversa un territorio di particolare bellezza paesaggistica, le piazzole di sosta sono invase da tempo da tante micro discariche. Sul ciglio e sulle piazzole, di competenza dell’Ente, la tipologia di rifiuti è, per lo più, di tipo urbano mentre sulle scarpate e nei fossi si intravedono anche rifiuti ingombranti di diversa tipologia.

Come specificato dal consigliere delegato Luca Corona: «La Provincia può intervenire per competenza solo su piazzole di sosta e sul ciglio delle strade provinciali anche per questo, nel corso dell’ultima Assemblea dei Sindaci abbiamo chiesto la collaborazione dei Comuni che con le Polizie Urbane e le società partecipate per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti possono compiere un’attività di controllo più capillare. E’ anche un problema di informazione ed educazione dei cittadini, l’ideale sarebbe arrivare ad una Convenzione con la quale, Province, Comuni e società partecipate, ognuno per la sua parte, collaborano alla risoluzione del problema. Noi, con l’approvazione del bilancio, abbiamo destinato delle somme all’acquisto di nuove video trappole e alle associazioni volontarie che ci supporteranno nell’attività di controllo coordinate dalla Polizia Provinciale». 

Per tali comportamenti la legge prevede sanzioni amministrative molto pesanti e, in alcuni casi, come per l’abbandono dei rifiuti pericolosi o tossici, sanzioni penali  e grazie alle video trappole la Polizia Provinciale ha già individuato molti trasgressori.

«In ogni Comune e anche a Teramo considerando il caso specifico di Fonte del Latte – dove questa mattina è stata bonificata una discarica abusiva – c’è un centro per il conferimento dei rifiuti – chiosa il Consigliere – per i rifiuti ingombranti basta telefonare e prenotare la raccolta, oppure recarsi direttamente al centro invece di inquinare e devastare pezzi di territorio».

Continue Reading

Teramo

Giulianova, controlli a tappeto dei carabinieri: un arresto, una denuncia e decine di ispezioni

Published

on

posto-di-blocco-cc-carabinieri-112

GIULIANOVA – Controlli capillari del territorio finalizzati alla prevenzione ed alla repressione di reati da parte dei carabinieri, che hanno battuto le principali arterie di comunicazioni e i luoghi più sensibili. I militi, oltre ad aver presidiato le strade del territorio, hanno pattugliato punti di ritrovo, banche e uffici postali, eseguito controlli presso gli esercizi commerciali e verificato che le persone sottoposte dall’Autorità Giudiziaria agli arresti domiciliari stessero rispettando le misure di sicurezza previste.

Un uomo, per il quale è scatta l’ordinanza di custodia cautelare, è stato arrestato e accompagnato presso la sua abitazione dove dovrà scontare una pena di 4 mesi di reclusione agli arresti domiciliari per aggressione. Un automobilista invece è stato sorpreso alla guida della sua automobile con un tasso alcolico 5 volte superiore ai limiti previsti dalla legge. Per lui sono scattati dunque la denuncia, il ritiro della patente e il sequestro del veicolo.

In totale i carabinieri di Giulianova hanno eseguito controlli in 12 esercizi commerciali, identificato 100 persone e controllato 48 mezzi. 15 le persone sottoposte ad arresti domiciliari che hanno ricevuto una visita da parte dei militi.

I controlli dei carabinieri a Giulianova rientrano in un servizio di pattugliamento straordinario del territorio disposto dal Comando Provinciale di Teramo, ma non terminano con le operazioni in esame. Le gazzelle continueranno a battere le strade del territorio insieme ai carabinieri Forestali e quelli di Nas, Noe, Tpc e al personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Teramo, al fine di reprimere e prevenire qualsiasi forma di illegalità.

Continue Reading

Abruzzo

Vasto, corriere arrestato sull’A14: aveva 11 kg di cocaina

Published

on

CHIETI – Un carico di 11,8 chilogrammi di cocaina, che sul mercato al dettaglio potrebbe rendere all’incirca un milione di euro, è stato sequestrato ieri sull’autostrada A14 dagli agenti della Sottosezione della Polizia Stradale di Vasto Sud che hanno arrestato un uomo, un italiano, poi rinchiuso nel carcere di Lanciano.

Come riporta l’Ansa, gli agenti avevano notato una Volvo V60 ferma in una piazzola di sosta dell’autostrada, in direzione sud: il conducente era fuori dall’abitacolo e i poliziotti si sono fermati per verificare se avesse bisogno di aiuto.

All’uomo sono stati richiesti i documenti di identità e la carta di circolazione e durante il controllo è sembrato subito particolarmente nervoso e poco collaborativo, tanto che gli agenti si sono insospettiti e dopo aver chiesto i rinforzi della Squadra di Polizia Giudiziaria, hanno scortato l’auto fino alla Sottosezione di Vasto per procedere a controlli più approfonditi.

La perquisizione al veicolo, effettuata con l’ausilio delle squadre cinofile del Gruppo Guardia di Finanza di Pescara, ha consentito il ritrovamento di alcuni panetti di stupefacente, ma è stato necessario l’intervento dei Vigili del fuoco per ispezionare il veicolo in modo approfondito e scoprire altri panetti che erano nascosti in un tunnel posizionato sotto il cambio. Per accedere al nascondiglio, difficilmente raggiungibile, è stato necessario smontare i sedili, parti degli interni e il cruscotto del veicolo. 

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.