fbpx
Connect with us

Teramo

Emma Zarroli: «corro da sola per coerenza e per non tradire la fiducia dei cittadini»

Published

on

intervista Emma Zarroli candidata sindaco Martinsicuro elezioni Amministrative 2022

Emma Zarroli, la candidata sindaco della lista civica “Rigeneriamo la Città”, il terzo polo che correrà alle Elezioni Amministrative del prossimo 12 giugno, ed attuale Presidente del Consiglio Comunale, spiega in questa intervista come mai ha deciso di presentare la sua candidatura e i motivi di frattura con l’attuale Amministrazione.

MARTINSICURO – «Io rispetto le scelte politiche di ciascuno, ma credo che bisogna essere chiari con la cittadinanza» motiva così in questa breve intervista, la sua scelta di correre da sola alle prossime Elezioni Amministrative, Emma Zarroli, la candidata sindaco della lista civica “Rigeneriamo la Città”. La presidente del Consiglio Comunale infatti, non correrà in appoggio all’attuale primo cittadino, Massimo Vagnoni, ma si propone come alternativa.

Candidata, come ha maturato questa decisione?

Semplice, è cambiato il quadro politico rispetto a cinque anni fa. Se alle scorse tornate elettorali ci siamo presentati come una coalizione civica, priva di insegne o esponenti di partito, questa volta non sarebbe stato così, al di là delle dichiarazioni. La presenza di esponenti di partiti di centrodestra e le affermazioni del primo cittadino, che alla stampa si è definito un uomo proveniente da quest’area, salvo poi far marcia indietro, ha reso la mia presenza incompatibile.

Quindi nessuna frattura sul piano del programma?

No, anzi sfido chiunque a dire che non ho dato il mio apporto alle importanti opere che sono state realizzato, o che si realizzeranno a breve, oppure che non abbia lavorato fino all’ultimo con lealtà e coerenza. Ho presieduto tutte le Commissioni e fino all’ultimo Consiglio Comunale non ho mai remato contro o fatto alcunché per mettere i bastoni tra le ruote all’Amministrazione, anzi, mi sono spesa molto per conseguire risultati importanti.
Ripeto, è un discorso più che altro politico. Non ho mai nascosto la mia appartenenza: sono stata, sono e sarò sempre socialista. Tutta la mia carriera politica si è sviluppata in quest’area. Ma quando ho deciso di competere anche a livello locale, ovvero alle scorse Elezioni, l’ho fatto per senso civico e per questo ho sposato un progetto che era privo di interferenze partitiche. Adesso non sarebbe più così e si creerebbe una certa distanza politica tra me e alcuni componenti della coalizione, rendendo di fatto impossibile la mia candidatura in questo schieramento. Poi certo, inutile nasconderlo, qualche punto di contrasto è venutosi a creare nell’ultimo periodo, mi riferisco ad esempio al taglio dei pini, punto verso il quale ho manifestato tutta la mia contrarietà.

È stato arduo fare questa scelta?

Da un punto di vista elettorale avrei ottenuto vantaggi a fare buon viso a cattivo gioco. Avrei potuto far finta di nulla e correre insieme ad una coalizione che sul piano dei voti parte in vantaggio rispetto agli altri. Ma non sono in grado di venire meno al mio mandato, o tradire la fiducia degli elettori. Chi mi ha affidato il suo voto non lo ha fatto né perché io sono un’esponente del Psi, né perché voleva votare una compagine di centrodestra. L’ha fatto perché credeva nelle istanze che proponevo, quindi la mia è stata una scelta di coerenza. In questo senso, è stato molto facile farla.

Quindi lei considera la candidatura di Vagnoni come una candidatura di centrodestra?

Mi sembra evidente, anche se non vengono esposti i simboli di partito. Ma è chiaro che se si candidano esponenti di Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia, è difficile dire che sia una proposta civica. L’unica lista civica che correrà alle prossime elezioni siamo noi, alternativi a centrodestra e centrosinistra.

Quali sono le sue proposte per la città?

Sarebbe presuntuoso affermare che va tutto bene. Martinsicuro, come ogni comune, ha le sue criticità e bisogna intervenire, in particolare intercettando fondi e nuove opportunità di sviluppo. Non a caso nel nome della lista abbiamo deciso di mettere quella che crediamo essere la parola chiave: rigenerazione. Il territorio c’è, ha grandi potenzialità, ma a volte viene trascurato. Rigeneriamolo.

In che modo può avvenire questa rigenerazione?

Puntiamo molto sul sociale. In qualità di avvocato, molto presente sul territorio e tra le persone, devo dire che avverto un crescente disagio sociale, specie tra i più giovani. Mancano proposte per valorizzare il loro potenziale. Ad esempio, abbiamo un sacco di prospetti interessanti nel mondo dello sport, cerchiamo di metterli in grado di sviluppare appieno i loro talenti.
Anche per quanto riguarda il percorso scolastico, crediamo che sia necessario darvi nuovo impulso, ad esempio creando un unico polo per le medie. Io sono sempre per unire e non per dividere e credo che un polo scolastico vissuto dai ragazzi e dalle famiglie, possa portare benefici a tutto il territorio.

E per quanto riguarda il lavoro?

È necessario ridare impulso e nuovi stimoli. Faccio un esempio, abbiamo una zona industriale in cui molti capannoni sono dismessi. Cerchiamo di valorizzare queste strutture e di riconvertirle ad altri scopi.
Potremmo ad esempio, creare fiere mostre. Siamo un territorio ricco di vivai, perché non creare una fiera dedicata al verde?
Un discorso analogo si potrebbe fare per gli ex impianti della Veco, che bisogna
assolutamente convertire. Poi ovviamente bisogna dare impulso al turismo, cercando però di non relegarlo solo alla stagione turistica, ma di rendere il territorio appetibile tutto l’anno.

E come si fa?

Concentrandosi sul decoro pubblico. Bisogna rimettere a posto i marciapiedi di Villa Rosa e Martinsicuro per fare un esempio. Via Filzi, la via principale di Villa Rosa, non ha marciapiedi, né illuminazione, tantomeno una piazza. Miglioriamo l’aspetto della nostra città e rendiamola più appetibile. Decoro, pulizia, verde pubblico, ma anche eventi, cultura e sviluppo delle relazioni sociali, attraverso la creazione di nuovi punti di aggregazione. Perché per esempio, non organizzare manifestazioni culturali al molo?

E oltre alle migliorie rispetto a quanto già esistente, ci sono opere che le piacerebbe realizzare?

Noi in programma abbiamo messo l’edificazione di una nuova zona residenziale a Villa Rosa, che garantirebbe sviluppo edilizio e turistico. Bisogna però fare anche un censimento sulle case presenti nel territorio, per avere un quadro chiaro su quali sono ad uso residenziale e quali invece destinate alla villeggiatura. In questo modo potremmo sfruttare al meglio i proventi della tassa di soggiorno ed avere le risorse per sviluppare Martinsicuro.
Un’altra idea che ci piacerebbe realizzare è quella di mettere in rete tutte le attività martinsicuresi, in modo tale che un turista, ma anche un residente, abbia a portata di click tutte le informazioni di cui ha bisogno per trovare quello che sta cercando: fosse un supermercato, o una maglieria, o un ferramenta. Facciamoci conoscere, le persone apprezzeranno tutto quello che abbiamo da offrire.

Qual è il suo appello agli elettori?

Io vorrei semplicemente restare con la gente e continuare a dare il mio contributo alla città, interloquendo con le istituzioni e con i cittadini. Continuo a credere che il contatto con le persone sia la chiave per una politica efficace e vincente e non ho intenzione di cambiare strada. Chi ci affiderà il suo voto, lo riporrà in mani coerenti e trasparenti, che si impegneranno sempre per realizzare quello che hanno promesso e che non prenderanno mai decisione all’insaputa, o alle spalle, dei martinsicuresi.

Chieti

Il braccio di ferro tra Nato e Russia si è giocato anche al largo delle coste abruzzesi

Published

on

nave da guerra russa al largo dell'Abruzzo

Lo scorso luglio tre imbarcazioni da guerra russe sono state avvistate nell’Adriatico, al largo delle coste abruzzesi, pugliesi e siciliane. L’obiettivo dell’operazione navale russa, era sbarrare il passaggio alla portaerei statunitense Truman. Un nave da guerra russa si è posizionato di fronte all’Abruzzo.

PESCARA – Il primo a riportare la notizia è stato “The Ship Yard Naval Consultancy”, un sito che studia e analizza le rotte commerciali dei mercantili. Poi Repubblica l’ha ripresa e l’ha confermata attraverso le sue fonti. Il 22 luglio scorso tre imbarcazioni della flotta militare russa si sono posizionate nell’Adriatico per sbarrare il passaggio della portaerei americana “Truman”. Tra queste, il cacciatorpediniere “Ammiraglio Tributs”, una nave da guerra russa che dopo aver superato il Gargano, si è posizionato al largo della costa d’Abruzzo.

Oltre a questa, di fronte al litorale salentino, l’incrociatore “Varyag”, con batterie di missili a lungo raggio, teneva sotto tiro con i suoi radar il passaggio chiave per l’Adriatico, accompagnato da un battello spia, la “Vasily Tatishchev”, dotata di strumentazioni per intercettare comunicazioni radio e impulsi dei sensori.

Obiettivo di questo schieramento, sbarrare il passaggio alla portaerei americana verso lo specchio di mare più vicino all’Ucraina, per tagliarla fuori dalla linea di combattimento. Se la Truman si posizionasse nell’Adriatico infatti, potrebbe far partire rapidamente aerei e missili in direzione dello scenario degli scontri in corso.

Si tratta della prima manovra russa nelle acque dell’Adriatico. Nei mesi scorsi era arrivata a sfiorare la Calabria per “dare un’occhiata” alle esercitazioni della flotta del blocco Nato, ma mai si era spinta fino a bloccare il passaggio alle navi del blocco atlantico. Che non è rimasto a guardare.

La Us Navy ha immediatamente mandato una scorta alla portaerei “Truman”, che comunque dovrebbe ospitare a bordo sessanta cacciabombardieri F18. Anche una squadra Nato, la Standing Maritime Group Two, ha raggiunto la “Truman” ed ha schierato caccia e fregate americane, italiane, spagnole, turche e greche a protezione della portaerei. L’incrociatore americano “Forrest Sherman” infine, si è schierato di fronte all’omologo russo. Erano praticamente ai lati opposti del capo di Santa Maria di Leuca.

Al momento non è nota la posizione delle navi della flotta russa, né è chiaro se nelle acque sotto di loro navigassero anche dei sottomarini, ma si pensa che almeno un’unità sia rimasta in zona. Non si sa se si tratta della nave da guerra russa avvistata al largo della costa dell’Abruzzo, oppure delle altre due imbarcazioni. L’incrociatore “Varyag”, gemello di quello affondato dagli ucraini, è uno dei fiori all’occhiello della marina russa ed insieme al battello spia “Vasily Tatishchev” forma la coppia d’attacco della flotta che incalza le navi Nato. Di solito navigano nelle acque del Pacifico, ma allo scoppio del conflitto, sono state inviate nel Mediterraneo.

Continue Reading

Teramo

Giulianova, controlli dei carabinieri intensificati nella notte di Ferragosto

Published

on

carabinieri paletta posto di blocco 112

GIULIANOVA – Quattordici militari dei carabinieri a bordo di sette pattuglie hanno svolto un servizio di controllo del territorio intensificato durante la notte a cavallo tra il 14 e il 15 agosto, la notte del Ferragosto. I controlli hanno interessato un’ampia porzione della fascia costiera teramana, da Giulianova a Silvi Marina. Durante il pattugliamento straordinario, che rientra nell’ambito dell’operazione Estate Sicura, i militi hanno eseguito accertamenti sulle strade principali e all’interno di locali pubblici.

In totale, sono state identificate ottantuno persone, sono stati fermati cinquantuno veicoli e sono stati ispezionati dodici locali. Diverse le irregolarità riscontrate dai carabinieri di Giulianova durante la notte di Ferragosto. Tre persone sono state denunciate per reati relativi alla circolazione stradale. Un per essere stato fermato alla guida in stato d’ebrezza, un altro mentre era sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, l’ultimo perché non aveva la patente e non l’aveva mai conseguita. L’auto che stava conducendo era oltretutto sprovvista di polizza assicurativa, pertanto è stata sequestrata.

Altri tre uomini sono stati denunciati invece, perché in seguito ai controlli veicolari, sono spuntati fuori attrezzi e oggetti utili a scassinare, che sono stati sequestrati. Infine una persona è stata arrestata in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Continue Reading

Teramo

Martinsicuro, la tradizionale regata storica “Memorial Abramo Micozzi”

Published

on

MARTINSICURO – Nella cittadina truentina i festeggiamenti di Ferragosto sono stati anticipati dal “Memorial Abramo Micozzi”, la storica regata martinsicurese giunta alla sua venticinquesima edizione. La regata si è disputata nelle acque antistanti il Sympathy Hotel, nel tratto di mare.

Ad imporsi nel maschile del “Memorial Abramo Micozzi”, Nuova Rosa, seguita da Tronto e Campo Casone. Nuova Rosa che si aggiudica anche nel duello femminile, di fronte a Franchi. La manifestazione ha visto la presenza, tra gli altri, del Sindaco Vagnoni, del Presidente del Consiglio Tassoni e dela vedova dell’ex Sindaco Micozzi.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.