fbpx
Connect with us

Ancona

Manifestazioni in 5 piazze marchigiane per lo sciopero generale Uil e Cgil

Pubblicato

il

sciopero-cgil-uil-5-località-marche-fabriano

Per lo sciopero generale indetto il 15 dicembre da Cgil e Uil per protestare contro la Legge di Bilancio proposta dal governo, in cinque località delle Marche si sono tenute manifestazioni: Valle Foglia, Macerata, Fermo, Ascoli Piceno e Fabriano.

ANCONA – I lavoratori che hanno aderito allo sciopero generale indetto dalla Cgil e dalla Uil hanno incrociato le braccia ieri, giovedì 15 dicembre, per protestare contro la Legge di Bilancio proposta dal governo e nelle Marche si sono tenute manifestazioni in 5 località. A Valle Foglia in provincia di Pesaro Urbino davanti all’azienda Rivalcold, a Macerata in piazza Cesare Battisti, a Fermo in via Murri, davanti all’ ingresso dell’ospedale, ad Ascoli Piceno in piazza Pino Daniele, è a Fabriano in piazza del Comune.

Il motivo delle 4 ore di sciopero era appunto il parere negativo nei confronti della manovra finanziaria del Governo. Nella provincia di Ancona è stata scelta dalla CGIL e UIL, Fabriano, conosciuta in tutto il mondo come la “Capitale della Carta” e dell’elettrodomestico. Questo fino a un decennio fa, con il gruppo Merloni che dava lavoro a migliaia di famiglie. Oggi la situazione è parecchio cambiata. Varie realtà aziendali hanno perso competitività e si trovano a rischio chiusura.

Uno degli esempi più emblematici, quello della Whirlpool: «In azienda non sappiamo in quali giorni potremmo lavorare, il lavoro non c’è, c’è un grande calo – racconta un lavoratore- la preoccupazione tra noi dipendenti è tanta, si respira un clima di incertezza e affrontiamo tutti i giorni con i colleghi queste problematiche».

«Sono totalmente contrario a questa finanziaria – dice Gianluca Dessi del magazzino Whirlpool di Melano – ed è per questo che oggi sono qui in piazza a Fabriano, con i miei colleghi. Iil Governo deve intervenire immediatamente. Siamo quasi abituati a questa situazione, ormai facciamo di volta in volta giornate di cassa integrazione da diversi mesi».

«L’azienda ha annunciato che venderà, ma non si sa a chi né quando. Tutto questo crea in noi operai incertezza sul domani – afferma una lavoratrice -Ho famiglia e questo Natale sarà triste: non potrò fare alcunché regalo ai miei due figli, non arriviamo a fine mese. Mi stupisce che oggi qui in piazza con noi non ci siano i colleghi iscritti alla Cisl, eppure anche loro hanno lo stesso identico problema. Dove sta l’ unità sindacale? Devono essere prima loro uniti e lottare contro questa scellerata manovra».

«Viviamo una situazione molto delicata alla Faber, tra l’altro cinquantaquattro colleghi verranno allontanati, per via di cali di lavoro. Questo ovviamente incide sul morale di tutti noi dipendenti – riferisce Michele Carbonari – è un brutto momento, dov’è il governo?».

«Questa è una manovra che non ci aiuta, iniqua, che non guarda al futuro dei giovani, dei lavoratori e dei pensionati e dal mio punto di vista non c’è niente di nuovo, e – aggiunge  Enrico Morettini dell’Elettrolux – è una manovra che favorisce l’ evasione fiscale. Siamo qui per difendere anche il diritto delle donne.

«Nei posti di lavoro siamo stanche di essere sfruttate, siamo preoccupate, parecchie nostre colleghe vengono allontanate per calo di lavoro, potremmo essere noi le prossime. Chiediamo al governo di guardare le necessità degli operai, siamo allo stremo, non arrivavamo alla terza settimana, oggi lo stipendio non ci basta neanche per pagare le bollette» puntualizza Marinella Rozzolini della Faber.

Francesca Liggia, dipendente da vent’anni dell’Elica di Mergo, dice: «Ho voluto partecipare a questo sciopero per dire al governo di tutelarci maggiormente, visto che rappresentiamo la stragrande forza lavoro di questo paese e che viene sempre a cercare le risorse nelle nostre buste paga. Forse non si è accorto che non bastano neanche per il carburante utilizzato per andare al lavoro e le bollette».

Massimiliano Anastasi della Fincantieri: «Non ci sono soldi per i lavoratori sempre più strozzati dal caro vita, carrelli della spesa sempre più dimezzati, carburanti proibitivi, questa guerra infinita che  pare abbia dato un costo all’energia significativo. Sono qui in piazza per dare voce alla preoccupazione del nostro sopravvivere: è una legge finanziaria sbagliata che non dà le risposte che servirebbero al paese  in questo momento drammatico. Non vediamo progetti di politica industriale, né di messa in sicurezza del Paese. Bisogna rilanciare i salari per rilanciare l’ economia, dimezzare le tasse in busta paga aumentare gli stipendi».

«Sulla crisi della Whirlpool ancora non è stato ancora convocato un tavolo di trattativa, il governo è assente, non si intravvede un allargamento sui diritti. Siamo a rischio di ulteriori fratture sociali che potrebbero essere devastanti per il futuro del Paese e ci stanno arrivando tante richieste di cassa integrazione, stanno saltando tanti posti di lavoro, soprattutto quelli precari» rende noto per Pierpaolo Pullini della Segreteria FIOM di Ancona.

Ancona

XI “Prevenzione e Sicurezza”: 2800 studenti incontrano gli operatori del soccorso

Pubblicato

il

prevenzione e sicurezza xi 4

ANCONA – Una giornata per promuovere la sensibilità sui temi della prevenzione e della sicurezza che conclude un percorso formativo di tre mesi all’interno dell’istituto scolastico comprensivo “Carlo “Urbani” di Moie: l’XI edizione della giornata di “Prevenzione e sicurezza” si è svolta la mattina del 18 maggio 2024 al parco Montessori in via Venezia a Moie di Maiolati Spontini.

Un’organizzazione complessa, con un lavoro di coinvolgimento dell’amministrazione comunale ospitante di Maiolati Spontini, i volontari e volontarie dei gruppi comunali e delle  associazioni di protezione civile di tutta la provincia di Ancona, dell’Anpas, della Croce Rossa, il personale della Polizia di Stato, della Polizia Locale, della Guardia di Finanza, dei Carabinieri e dei Carabinieri Forestali, dell’Aeronautica Militare, della Capitaneria di Porto di Ancona, dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Alpino Speleologico, del 112 Emergenza, dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, delle Unità Cinofile da Soccorso, dell’associazione nazionale degli Alpini, della Protezione civile Regione Marche. Uomini e donne in divisa attorno alle postazioni allestite con automezzi e attrezzature si sono messi a disposizione delle classi dell’Istituto comprensivo Carlo Urbani di Moie per raccontare il loro operato nella prevenzione e nell’emergenza, il rispetto dei ruoli e delle regole, le basi per superare gli eventi imprevisti, il rispetto del territorio e della legalità.

Nel corso dell’anno le classi si sono incontrate con il Gruppo formatori di Castelplanio, formato da dodici volontari e coordinato da Lorenzo Mazzieri, che portano avanti il progetto “Prevenzione e sicurezza scuole”. L’organizzazione della giornata-evento è stata curata dal gruppo formato da Lorenzo Mazzieri, coordinatore della protezione civile di Castelplanio e della provincia di Ancona, dall’ing. Alessio Avaltroni, segretario della Protezione civile di Castelplanio che ne ha seguito tutta la parte progettuale, dall’ing. Michele Fabbretti, dalla dott. Veronica Giovannelli e dall’educatrice Federica Mosca, dalla dott.sa Giulia Giovannelli, dal formatore Roberto Balerci, dalla coordinatrice del Gruppo comunale di Cupramontana Daniela Cola e dall’insegnante Cinzia Roscini.

Dalle 5 della mattina sono state allestite con cura le postazioni nell’area del parco Montessori, tutta dedicata all’incontro con le giovani generazioni. Tanti anche i genitori che hanno preso parte alla coinvolgente manifestazione iniziata alle 8,50 con l’atterraggio dell’elicottero dei Carabinieri Forestali e conclusasi alle 12,45 con la simulazione di un terremoto e l’arrivo di tutti i soccorsi.

Lorenzo Mazzieri e Alessio Avaltroni hanno ringraziato i dirigenti del Dipartimento di Protezione Civile rappresentato all’evento da Roberto Oreficini, vicepresidente della Commissione Grandi Rischi, l’assessore della regione Marche Chiara Biondi che ha preso parte all’iniziativa, il sindaco di Maiolati Spontini Tiziano Consoli, il vescovo di Jesi mons. Gerardo Rocconi, il direttore del Dipartimento di Protezione Civile Regionale Stefano Stefoni, il responsabile regionale del volontariato di Protezione Civile Mauro Perugini, gli amministratori dei comuni, la dirigente scolastica prof.ssa Linda Rosa Marcovecchio e la dott.ssa Stefania Bocci del gruppo Progetti nazionali dell’Ufficio Scolastico regionale per le Marche, tutti i dirigenti delle Forze dell’Ordine militari e civili che hanno reso possibile l’iniziativa e tutti coloro che hanno creduto e sostenuto il progetto. I momenti della Giornata sono stati ripresi dal gruppo fotografi che realizzeranno un documentario sull’undicesima edizione di “Prevenzione e Sicurezza”.

Alcuni numeri dell’XI giornata di “Prevenzione e Sicurezza”: 590 alunni e alunne coinvolti, 336  volontari e volontarie, 168 operatori civili e militari, 25 rappresentanti delle istituzioni. «Oltre 2800 le presenze totali alla giornata di Maiolati Spontini – dichiara Lorenzo Mazzieri – che si è rivelata anche quest’anno un’iniziativa capace di coinvolgere e di appassionare ai temi della prevenzione e della sicurezza diffondendo informazione e promuovendo la formazione di un sistema civile e militare che fa parte della protezione civile ed è vicino alla Cittadinanza.

La Giornata, promossa dal 2011 in undici edizioni in diversi comuni della Vallesina (si è fermata due anni per il covid e lo scorso sabato 27 maggio 2023 era nel comune di Castelplanio, nei campi sportivi e nelle aree del Viale dello Sport a Macine) è resa possibile per la grande collaborazione di tutte le Forze civili e militari, le Organizzazioni di Volontariato della provincia di Ancona e il team dei formatori “Prevenzione e sicurezza scuole”. A tutti un sincero grazie e l’appuntamento alla dodicesima edizione». 

Pierpaolo Mascia

Continue Reading

Ancona

Levante in concerto ad Ancona: ultimi biglietti disponibili

Pubblicato

il

levante concerto ancona

ANCONA – Si esibirà questa sera sul palco del Teatro delle Muse Levante, cantante, autrice e scrittrice, che sta portando avanti il suo tour “Live nei Teatri”, prodotto e distribuito da Vivo Concerti.

I biglietti del concerto, organizzato da Best Eventi, sono disponibili sui circuiti TicketOne (www.ticketone.it) e Vivaticket (www.vivaticket.com), online e punti vendita. Gli ultimi saranno in vendita prima del concerto, dalle 20, al botteghino del teatro. Info: 085.9047726 www.besteventi.it

Dopo il grande successo dello show unico all’Arena di Verona dello scorso settembre, Levante ha modo di salire ogni sera sul palco accompagnata dalla sua band di sempre (Alessio Sanfilippo alla batteria, Alessandro Orefice alle tastiere, Matteo Giai al basso, Eugenio Odasso alla chitarra, Lorenza Giusiano e Elisa Semprini ai cori) offrendo al suo pubblico uno spettacolo inedito che sceglie di sviluppare alcune suggestioni visive e musicali dell’Arena in un abito rinnovato che, come solo in teatro può accadere, offre un contatto più stretto, intimo e accogliente. 

Insieme alle immancabili hit live, vengono proposte alcune perle che mancano in scaletta da tanto. Alcune canzoni sono state rivisitate grazie all’aggiunta di strumenti come il violino e il contrabbasso elettrico che le portano su tappeti armonici più vicini al trip-hop che al sound originale. 

Il teatro è la casa dove Claudia Lagona (questo il vero nome di Levante) dà voce all’ultimo album “Opera Futura” e ripercorre insieme al pubblico anni di costruzione, anni che coincidono con la pubblicazione dei suoi 5 dischi (“Manuale di distruzione” del 2014, “Abbi cura di te” del 2015, “Nel caos di stanze stupefacenti” del 2017 e “Magamemoria” 2019), canzoni che hanno costellato la sua strada alternandosi alla scrittura dei suoi 3 libri (“Se non ti vedo non esisti” del 2017, “Questa è l’ultima volta che ti dimentico” pubblicato nel 2018 e “E questo cuore non mente” del 2021), colonne sonore, concerti in Italia e all’estero e molto altro.

In scaletta ad Ancona anche l’ultimo singolo di Levante, “Mi Manchi”, appena pubblicato in versione live dall’Arena di Verona.

Continue Reading

Ancona

Completato lo sbarco della Ocean Viking ad Ancona, non si pacano le polemiche

Pubblicato

il

ocean viking ancona 2

Dopo 5 giorni di navigazione e 1450 chilometri percorsi, la Ocean Viking ha raggiunto Ancona, dove sono sbarcate 336 persone recuperate in quattro salvataggi. 60 persone sono morte prima del soccorso in mare, una dopo.

ANCONA – E’ avvenuto ieri pomeriggio, martedì 19 marzo, lo sbarco dei 336 migranti a bordo della Ocean Viking. La nave della Ong Sos Mediterranee ha recuperato le persone nel corso di quattro differenti salvataggi. I primi 25 sono stati recuperati lo scorso 13 marzo al largo delle coste libiche, gli altri “strada” facendo.

Il porto assegnato all’Ocean Viking infatti è stato fin da subito quello di Ancona, a 1450 chilometri circa dal punto in cui il salvataggio è avvenuto. A più riprese la Ong ed altre associazioni hanno chiesto un porto più vicino, ma la richiesta non è stata accolta dalle autorità italiane. Solo i superstiti del primo salvataggio, in condizioni di salute precaria, sono stati fatti sbarcare a Catania. Gli altri hanno raggiunto il porto dorico.

Già prima del salvataggio 60 persone erano morte. I 25 superstiti recuperati a bordo di un gommone alla deriva hanno raccontato di essere rimasti in mezzo al mare con il motore in panne, senza acqua né cibo, per sette giorni prima di essere avvistati dalla nave dell’organizzazione umanitaria.

Erano tutti provati ed in condizioni di salute precarie. Il giorno successivo, il 14 marzo, due di loro si sono aggravati e sono svenuti, pertanto si è resa necessaria l’evacuazione da parte della Guardia Costiera con l’elicottero. Purtroppo, una delle due persone è morta il giorno successivo.

Sempre il 14 marzo, mentre la Ocean Viking stava già facendo rotta verso Ancona, altri due salvataggi: 113 persone, tra cui 6 donne e 2 bambini, nel primo, ed altri 88 nel secondo. Il giorno seguente, altri 135 migranti, tra cui una donna incinta ed 8 bambini, sono stati accolti a bordo della nave.

Dopo diverse richieste, l’MRCC italiano ha accettato di trasbordare a Catania i 23 sopravvissuti del primo salvataggio che avevano trascorso 7 giorni in mare. Gli altri hanno raggiunto Ancona ieri.

Le operazioni di sbarco sono durate circa dodici ore e si sono svolte senza incidenti. Durante i controlli, è emerso che due migranti, di origine tunisina e pakistana, erano gravati da un decreto di espulsione, pertanto sono stati arrestati. dopo l’udienza di convalida sono stati sottoposti all’obbligo di firma.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.