Ascoli, Di Maio: nello Sblocca Cantieri il 90% delle richieste del territorio

Il vice premier in visita alla citta del cratere sismico, difende l'operato del sottosegretario Vito Crimi: "credo che abbia fatto un lavoro notevole".

ASCOLI PICENO – Visita di Di Maio nella città del cratere sismico. Il Ministro del Lavoro e vice premier è giunto ad Ascoli per un incontro ed ha affrontato diverse tematiche. Parlando di ricostruzione, ha difeso l’operato del sottosegretario Vito Crimi ed ha fatto alcune anticipazioni relative al decreto Sblocca Cantieri.

<<Nel decreto stanno entrando circa il 90% delle richieste che sono venute da questo territorio, dai comitati, dalle associazioni, dagli amministratori – ha commentato il capo politico del Movimento 5 Stelle, che poi ha proseguito- Il sottosegretario Vito Crimi che ha la delega per le zone terremotate credo che abbia fatto un lavoro notevole>>. Per quanto concerne la trasparenza nella concessione degli appalti il Miistro ha detto: <<Noi abbiamo fatto la legge anticorruzione a dicembre, abbiamo dato più strumenti alle forze dell’ordine e infatti alcune inchieste stanno scoppiando grazie a questi strumenti>>.

A margine dell’incontro il vice premier Di Maio ha commentato anche la situazione di perenne tensione nel quale pare essere rimasto ingabbiato il Governo: << Ogni giorno sento dalla Lega minacce di far cadere il Governo. Ma per me questo governo deve andare avanti, dobbiamo continuare per cambiare un Paese in Italia e in Europa. In queste ore so che ci sono tante fibrillazioni per lo spread, per queste dichiarazioni del leader della Lega sul 3%. Io – conclude – voglio far aumentare lo stipendio degli italiani con il salario minimo orario, non lo spread e mi aspetto una risposta il prima possibile dalla Lega”.