Fermo, il restyling della piscina comunale continua: al via il terzo step

Riguardano la sostituzione di infissi e vetrate.

FERMO – Terzo atto del restyling della piscina comunale di Fermo. In questi giorni prenderanno il via i lavori di sostituzione delle vetrate e degli infissi dell’impianto.

Un intervento che segue quelli già effettuati e che hanno riguardato le migliorìe esterne e l’assetto interno, con interventi di manutenzione e riqualificazione dei bagni per disabili, gli spogliatoi, l’installazione del nuovo sollevatore per disabili per consentire un ingresso più agevole in acqua, la manutenzione delle 14 bocchette di immissione, il telo per coprire la vasca di notte e preservare l’intera struttura, i termostati dei servizi e delle vasche, senza contare la vasca di compenso per l’equilibrio dell’acqua nella vasca principale che è stata ristrutturata.

Verranno sostituiti i vecchi infissi in legno con altri nuovi in alluminio. Dunque un altro passaggio nell’importante opera di riqualificazione della piscina cittadina e che vedrà a breve anche il restyling dell’ingresso alla struttura.

Immagine: Paolo Calcinaro al tavolo di lavoro (Il Martino - ilmartino.it -)
Paolo Calcinaro

‘Anche per questa estate un grande lavoro sulla piscina – ha dichiarato il Sindaco Paolo Calcinarodopo aver rifatto la progettualità e aver riportato la funzionalità dell’impianto, ora è la volta degli interventi importanti sia esteticamente che funzionalmente sugli infissi che potremo vedere sin dalla prossima stagione in una piscina che sta diventando sempre più riferimento per il territorio, se pensiamo agli ultimi eventi, visto che ha ospitato ad esempio i campionati italiani Fisdir e quelli del nuoto sincronizzato, senza dimenticare i recenti ottimi risultati in Toscana dei ragazzi della Virtus Fermo che ringrazio e con cui mi congratulo ancora’.

Bando che – continua il comunicato stampa del comune – prevedeva oneri di manutenzione straordinaria a carico del concessionario, quali la realizzazione di opere per l’efficientamento e la riqualificazione e per il maggiore sviluppo funzionale della struttura (l’impianto è in funzione dagli anni ’80).