fbpx
Connect with us

Abruzzo

Michele Fina proclamato Segretario abruzzese del PD

Pubblicato

il

Michele Fina è stato proclamato segretario regionale del Partito Democratico abruzzese.

Abbiamo trasmesso in diretta Facebook il suo discorso con il nostro inviato Marco Capriotti alla assemblea del PD.

Intervento del nuovo segretario PD Abruzzo Michele Fina all'assemblea regionale

Pubblicato da Il Martino.it – Quotidiano Marche e Abruzzo su Sabato 20 luglio 2019

Il passaggio formale, successivo al Congresso, si è svolto oggi a Pescara, al centro polivalente Britti, all’apertura dell’Assemblea regionale del partito “Cambiamo tutto – una generazione per l’Abruzzo e l’Italia”.

Per il 41enne direttore del Think tank “Transizione ecologica solidale”, già capo di segreteria e consigliere del ministro Andrea Orlando prima al Ministero dell’Ambiente e poi della Giustizia, per cambiare occorre mettere da parte “l’arroganza dell’autoreferenzialità” e ha sottolineato la scelta politica di dedicare tutta la mattinata dell’Assemblea all’ascolto degli interventi dei rappresentanti dei partiti del centrosinistra, delle associazioni, dei sindacati, delle imprese: “Vogliamo ascoltarvi per dirvi che non vi delegittimiamo ma vi vogliamo forti. Questo non è tempo di pace, rileggete i vostri atti fondativi, troverete scolpiti i principi costituzionali, che oggi sono in pericolo perché non pienamente attuati, o perché qualcuno vuole metterli in discussione”. L’appello ai corpi intermedi per la difesa e la promozione della Costituzione è l’atto che segna l’Assemblea di oggi, e quindi l’inizio del percorso del Pd abruzzese di Fina segretario, che ha aggiunto: “Mi rivolgo a voi per un’alleanza costituzionale, per creare un luogo di condivisione, senza alcuna strumentalizzazione”. Tra gli interventi quelli dei rappresentanti regionali dei partiti del centrosinistra Psi, Articolo Uno e ­ Più Europa, e di Cisl, Cgil, Legacoop, Cna, Confesercenti, Italia Nostra, Wwf e Legambiente. All’Assemblea sono intervenuti anche Andrea Cozzolino ed Enrico Borghi, rispettivamente europarlamentare e deputato del Partito Democratico. Prima dell’inizio dei lavori è stato letto un messaggio del presidente nazionale del Pd, Paolo Gentiloni. Un passaggio: “L’Abruzzo è terra di antiche fedeltà, ma anche di capacità di sacrificio e rinnovamento profondo. Senza mai perdere la nostra identità: di cultura, di valori”.

Per il segretario Fina la maggioranza e il governo in carica “ci hanno reso un Paese piccolo piccolo, fuori dal mondo, diviso tra i ceti e tra i territori. L’autonomia differenziata così come è stata proposta è un nuovo modo per dire secessione, e l’alleanza per la Costituzione che proponiamo serve innanzitutto per difendere l’Abruzzo e gli abruzzesi dalla marginalità e dal commissariamento politico”. Le direzioni di marcia del nuovo Pd abruzzese dicono partito verde, di una transizione ecologica dell’economia che non lasci indietro i più deboli, del sapere (Fina ha citato i ricercatori e gli insegnanti), di un governo dell’immigrazione che pur essendo rigoroso dica le cause e i colpevoli di un fenomeno per cui milioni di persone sono costrette a fuggire: caos climatico, guerre, povertà. Allo stesso modo Fina dice basta all’eterna discussione delle esperienze di governo passate, altrimenti “non avremo più bisogno di un Congresso ma di uno psichiatra. Mettiamo un punto e costruiamo l’alternativa. Restituiamoci una comunità leale”.

Il segretario del Pd abruzzese ha detto di volere una presenza capillare, “territorio per territorio, comune per comune. Avremo bisogno della presenza da protagonisti dei segretari di circolo, di un Centro studi, delle Feste de l’Unità, di una presenza sul web seria: sono tutte cose che stanno a un partito come gli organi a un corpo umano”. Chiusura con autocritica rispetto a un partito che negli anni ha finito per concentrarsi sul principio della contendibilità mettendo spesso da parte delle idee, “ma siamo noi che dobbiamo mettere in chiaro cos’è la democrazia o la democrazia peggiorerà”.

Ci sono poi stati i saluti dalle organizzazioni sindacali, dai partiti amici del centro sinistra e dalle associazioni del mondo del lavoro e del sociale.

Teramo

Maltrattamenti in famiglia: un arresto a Martinsicuro

Sempre a Martinsicuro un uomo è stato arrestato per furto, mentre ad Alba Adriatica si è verificato un arresto per truffa.

Pubblicato

il

arresto notaresco 112 cc carabinieri

Dopo la denuncia presentata da una donna nei confronti del marito è scattato il codice giallo. L’uomo è stato arrestato e tradotto in carcere.

TERAMO – I Carabinieri di Martinsicuro hanno tratto in arresto un uomo per maltrattamenti in famiglia a seguito della denuncia presentata nei suoi confronti dalla moglie. Dopo gli accertamenti del caso da parte dei militari, la Procura di Teramo ha attivato il “codice giallo”.

Il giudice ha accolto la richiesta della Procura ed ha emesso una misura cautelare nei confronti dell’uomo residente a Martinsicuro, che è stato arrestato e tradotto nel carcere di Teramo per maltrattamenti in famiglia.

Sempre a Martinsicuro i Carabinieri hanno rintracciato un soggetto sul quale pendeva un mandato di arresto emesso dall’A.G. di Ancona, dal momento che deve scontare una pena residua di 6 mesi di reclusione in carcere per il reato di furto. Ad Alba Adriatica invece i Carabinieri hanno arrestato un uomo condannato a scontare 6 mesi ai domiciliari per il reato di truffa.

Nei controlli del territorio svolti la notte scorsa tra Alba Adriatica, Tortoreto e Martinsicuro sono stati controllati complessivamente 83 mezzi ed identificati 153 soggetti. 3 automobilisti sono stati sorpresi alla guida con un tasso alcolemico superiore ai limiti del consentito e gli è stata ritirata la patente. 7 i locali ispezionati e 20 le persone sottoposte a misure cautelari che sono state oggetto di controllo.

Continue Reading

Teramo

Secondo appuntamento con Historia Magistra Vitae 2024 a Martinsicuro

Pubblicato

il

seconda serata historia magistra vitae 2024

Nella serata di domani secondo appuntamento con “Historia Magistra Vitae museo da vivere 2024” a Martinsicuro, dedicato alla tradizione del “Cummar a Fiur” ed all’ascolto di scritti e poesie della tradizione dialettale abruzzese.

TERAMO – Dopo il successo dell‘evento inaugurale, con l’inaugurazione della pala d’altare donato alla comunità di Martinsicuro dal pittore Leonardo Carapucci, che ha riscosso un’ampia ed entusiasta partecipazione, domani sera, domenica 23 giugno, torna “Historia Magistra Vitae Muso da Vivere 2024”, con la seconda serata.

Il presidente del Consiglio comunale Umberto Tassoni insieme al pittore Leonardo Carapucci

Alle ore 18:00 presso il Museo delle Armi Antiche a Martinsicuro si svolgerà il secondo appuntamento della rassegna di Eventi organizzati dall’Associazione omonima per ricordare la figura del suo Fondatore Nino Torquati.

Nello spazio all’aperto antistante il Museo, dopo i saluti del Sindaco Massimo Vagnoni, la maestra Valentina Cicconi racconterà il rito antico delle “Cummar a Fiur”, ovvero come suggellare un’amicizia importante tra persone che si scelgono liberamente anche senza vincoli di parentela. Il pubblico sarà invitato ad interagire scambiandosi i mazzolini di fiori ed altri piccoli omaggi che sugellano il legame speciale. Saranno messi a disposizione del pubblico dei fiori freschi per comporre il ben noto “ ramajett….” da scambiare.

Poi Gabriele Ruggieri, noto autore in vernacolo teramano e depositario della tradizione dialettale abruzzese, reciterà scritti di Giuseppe Savini e poesie in vernacolo di sua composizione, accompagnato dalla musica di Du’ Bott suonata dai giovanissimi Vincenzo Aleandri, Manuel Mazza e Jan Galiffa.
Cornice dell’evento, l’esposizione le opere della pittrice Loredana Tosi in un originale percorso nel giardino del Museo.

E’ gradita la prenotazione al 3356627564.

seconda serata historia magistra vitae 2024 locandina

Continue Reading

Teramo

Riapertura ufficio anagrafe a Villa Rosa e ripristino di Fonte Armata: centinaia le firme raccolte

Pubblicato

il

circolo pd martinsicuro piazza cavour

L’iniziativa è stata portata avanti dai volontari del circolo dem truentino Fabio Foglia e Pacifico Amatucci. Le firme raccolte per la riapertura dell’Ufficio Anagrafe di Villa Rosa ed il ripristino di Fonte Armata saranno ora sottoposte all’amministrazione comunale di Martinsicuro.

TERAMO – «E’ stato un lavoro ben Fatto!». Il Partito Democratico di Martinsicuro è soddisfatto della raccolta firme attuata dai propri volontari, in particolare Fabio Foglia e Pacifico Amatucci, per chiedere riapertura dell’Ufficio Anagrafe di Villa Rosa e del ripristino della storica “Fonte Armata”.

«Le firme firme raccolte sono state diverse centinaia – si legge in una nota dei dem – ed è stato il sintomo di un problema molto sentito, a cui il Circolo PD ha voluto dare voce, e la dimostrazione di un grande successo visto il considerevole numero di firme raccolte».

Adesso le firme saranno portate in Comune per «portare a conoscenza dell’Amministrazione Comunale la volontà di tanti cittadini di Villa Rosa». La nota dei dem conclude: «Un’Amministrazione dovrebbe essere più attenta alle necessità dei propri cittadini, avendo come scopo anche quello di produrre servizi più efficienti e la cura attenta del proprio territorio».

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.