fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

Scerne di Pineto, flash mob di FdI davanti alla sede del Mercatone Uno

Pubblicato

il

flash mob Fratelli d'Italia Mercatone Uno

TERAMO – Anche i dirigenti ed i militanti locali hanno aderito alla manifestazione organizzata da Fratelli d’Italia su tutto il suolo nazionale, per accendere i riflettori sulla crisi che attanaglia diverse aziende del Paese. In particolare “Mercatone Uno”, che ha chiuso i battenti da un giorno all’altro avvisando i dipendenti con un messaggio sul cellulare. Capitanati da Giorgia Meloni, che ha sfilato sotto la sede del Ministero dello Sviluppo Economico, gli esponenti del partito hanno manifestato in diverse città.

A Scerne di Pineto, di fronte alla sede di Mercatone Uno, i militanti hanno srotolato uno striscione che recitava: <<la crisi non va in vacanza>>. <<Il nostro Partito scende in piazza contemporaneamente in tutta Italia per una serie di manifestazioni davanti ai siti produttivi di aziende in crisi – dichiara Marilena Rossi coordinatrice Provinciale di Fratelli d’Italia – Ogni realtà territoriale di Fratelli d’Italia ha scelto una delle aziende per le quali è stato istituito un “tavolo di crisi” nazionale presso il Ministero dello Sviluppo Economico: ne esistono quasi duecento, con quasi trecentomila lavoratori a rischio e quasi seicentomila nell’indotto. È questo il cuore della crisi industriale che il Ministero non riesce a gestire. Ma la maggior parte di questi 200 tavoli, che riguardano aziende medio grandi, a oggi non sono neanche mai stati riuniti dal dicastero di Luigi Di Maio. Il Ministero al massimo ha predisposto la proroga della “cassa integrazione” in attesa di “accompagnare” i lavoratori verso il “reddito di cittadinanza>>”.

<<Per noi di Fratelli d’Italia non servono politiche passive di accompagnamento verso il reddito di cittadinanza ma politiche attive di impresa per prevenire e salvaguardare il tessuto produttivo. Bisogna strutturare un sistema che incentivi la reindustrializzazione, preservando il tessuto imprenditoriale dando l’unica risposta che gli italiani vogliono: il lavoro>> dichiara Francesco Di Giuseppe Vice Presidente di Gioventù Nazionale e dirigente nazionale di FdI.

<<Chiediamo la creazione di un “pronto soccorso aziendale” va istituita una nuova Struttura Crisi di Impresa: un coordinamento stabile tra Mise, Regione, Associazioni di impresa e Sindacati non solo per gestire le emergenze ma per prevenire le crisi, utilizzando appieno i fondi europei e gli altri strumenti finanziari di cui spesso gli attori, anche pubblici, non sono a conoscenza. Questo consentirebbe di arrivare in  tempo, prima che i danni aziendali e occupazionali diventino irrecuperabili. Inoltre riteniamo assolutamente necessario che l’Italia ottenga una Commissario con delega economica produttiva nella nuova Commissione europea e denuncia la politica di nuova sudditanza, rinunciataria e minimalista che sembra profilarsi in sede europea>> conclude Di Giuseppe.

Anche la federazione provinciale di Ascoli Piceno ha aderito all’iniziativa. <<Come già ampiamente indicato dall’Unione Regionale dei Commercialisti delle Marche, Fratelli d’Italia vuole sostenere il rilancio dell’economia favorendo la ripresa dei territori devastati dal terremoto e da una ricostruzione ferma da due anni a causa della totale incompetenza dei commissari Errani prima e De Micheli dopo e dall’assenza di qualsivoglia iniziativa del presidente della regione Ceriscioli>> commenta il segretario provinciale Luigi Capriotti.

<<A tal proposito e in riferimento alle problematiche del nostro territorio i i gruppi consiliari di Fratelli d’Italia presenteranno mozioni affinché i Comuni prendano l’impegno di sostenere presso il Governo misure di sostegno come il Credito dì imposta “MEZZOGIORNO” per nuovi investimenti in macchinari, impianti e attrezzature, l’attivazione di una misura agevolativa nazionale per l’erogazione di contributi a fondo perduto per supportare interventi finalizzati al rilancio del patrimonio culturale e turistico, l’attivazione di una zona franca urbana e di una zona economica speciale>>.

<<Soprattutto – conclude Capriotti – è essenziale che l’Unione europea inserisca tutti i Comuni del cratere nella prossima “Carta degli aiuti a finalità regionale 2021/2027” per consentire l’attivazione di specifiche agevolazioni finanziarie>>.

Ascoli Piceno

San Benedetto del Tronto: positivi all’alcool test, tre patenti ritirate

Pubblicato

il

Carabinieri notte (ilmartino.it)

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – A fronte dei controlli effettuati dai carabinieri per la sicurezza stradale, tre persone rispettivamente di 28, 20 e 30 anni, sono state deferite per essere risultati positivi all’alcool test. Le patenti di guida sono state ritirate.

Continua a leggere

Ancona

Ballottaggi nelle Marche: a Castelfidardo vince il M5S, a SBT Spazzafumo batte il cdx

Pubblicato

il

CASTELFIDARDO – Al ballottaggio per la guida del Comune di Castelfidardo (Ancona) riconfermato sindaco Roberto Ascani (M5s) con il 59.77% (4.171 voti). Ha battuto la sfidante Gabriella Turchetti (sostenuta dal centrodestra) – figlia di Giuseppa Fattori conosciuta come ‘nonna Peppina’ simbolo della resilienza delle popolazioni terremotate del Maceratese – che si è fermata al 40,23% delle preferenze, ottenendo 2.808 voti.

Stefano Spazzafumo, invece, è il nuovo sindaco di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno). Con 9.916 voti (54,27%) il candidato di “Libera San Benedetto”, appoggiato da altre quattro civiche, ha battuto al ballottaggio in sindaco uscente Pasqualino Piunti (Forza Italia), sostenuto dal centrodestra, che ha ottenuto 8.356 preferenze (45,73%).

L’affluenza è stata del 46,39%. Due settimane fa, quando votarono il 59,9% degli aventi diritto, Piunti era stato il più votato con il 41,56%, delle preferenze, mentre Spazzafumo aveva ottenuto il 19,06% accedendo al ballottaggio oggi vinto.
   

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Grottammare: droga e iPhone rubato, 22enne denunciato

Pubblicato

il

GROTTAMMARE – Nell’ultimo fine settimana i Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno hanno intensificato i controlli preventivi lungo la costa e a Grottammare, i militari della locale Stazione e della Compagnia di San Benedetto del Tronto, hanno controllato un’autovettura di un tunisino con alla guida il figlio 22enne che, alla vista dei Carabinieri, è apparso subito nervoso per cui gli operanti hanno deciso di approfondire il controllo con una perquisizione. 

Nell’autovettura il giovane nascondeva oltre 250 grammi di marijuana in più involucri, oltre a bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire inoltre un Iphone rubato. 

Il 22enne è stato quindi condotto in caserma e tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e denunciato per la ricettazione del telefono. Il giovane è ora a disposizione della Magistratura fermana. 

Con questo duro colpo inferto al mercato dello spaccio sulla costa, l’operato dell’Arma continuerà in maniera sempre più incisiva su tutto il territorio provinciale, allo scopo di prevenire ed arginare il pericoloso fenomeno delittuoso della compravendita di stupefacenti, sempre pronti ad intervenire in caso di necessità dei cittadini. 

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Tag

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy