fbpx
Connect with us

Salute

La vitamina D: la “forza” del sole per il benessere del nostro corpo

Avatar

Published

il

Autunno inoltrato, le temperature si fanno man mano sempre più rigide e le giornate si accorciano. Le ore di luce sono sempre più esigue, complice anche un meteo tetro e brumoso e l’umore ne risente in maniera significativa. La bella stagione favorisce una prolungata esposizione alla luce solare e all’aria aperta, con un sostanziale effetto benefico sul nostro organismo: la serotonina, l’ormone del benessere, si innalza ma soprattutto ci ricarica di vitamina D, un micronutriente essenziale per il benessere e il funzionamento del nostro corpo.

Ma cos’è la vitamina D e dove possiamo trovarla?

Chiamata anche la “vitamina del sole”, è conosciuta principalmente per il suo ruolo nella formazione e nel mantenimento di ossa e denti sani ma agisce anche sul sistema immunitario, aiutando a mantenere i normali livelli di calcio nel sangue e svolgendo un ruolo nel sano sviluppo dei muscoli, favorendo un miglior stato di salute generale.

Esistono due varianti di vitamina D:

  • La vitamina D2 presente nei vegetali (frutta, verdura e funghi)
  • La vitamina D3 che viene sintetizzata dalla pelle dopo l’esposizione ai raggi solari

Bastano 15 minuti al giorno di esposizione al sole per produrre la giusta quantità di vitamina D3 necessaria per un corretto funzionamento dell’organismo. Rispetto alla vitamina D2, la D3 è maggiormente biodisponibile, cioè più assimilabile e utilizzabile dal corpo umano ed è presente sia negli animali che nell’ uomo. Un adeguata integrazione di vitamina D3 garantisce un sistema scheletrico sano e forte, oltre a favorire un migliore stato di salute generale. Una carenza di vitamina D può portare a disfunzioni e disturbi dell’organismo.

Una significativa mancanza in età pediatrica, può portare allo sviluppo di rachitismo e malformazioni ossee. Tra gli adulti, soprattutto nelle donne dai 40 anni in poi, una carenza di vitamina D favorisce lo sviluppo dell’osteoporosi, con conseguente rischio di fratture e deformazioni scheletriche, oltre che debolezza muscolare.

Ma dove è possibile trovare la vitamina D?

Innanzitutto attraverso i raggi del sole. L’esposizione ai raggi ultravioletti aiuta la produzione di vitamina D3 da parte della pelle. Nei periodi di minor esposizione al sole si può ricorrere all’assunzione di alimenti che contengono maggiori quantità di vitamina come alcuni tipi di pesce (salmone, aringa, sgombro, sardine e in generale tutti i pesci del mare del Nord), il fegato di suino, latte e yoghurt intero, burro, formaggi grassi, uova e creme a base di latte e\o uova. La maggior quantità di vitamina D si trova nei funghi.

Nei mesi invernali, quando la forza dei raggi solari è insufficiente, si può ricorrere agli integratori alimentari per evitare una carenza della preziosa vitamina D nel nostro organismo.

I benefici degli integratori:

  • gli integratori aiutano a mantenere normali livelli di calcio nel sangue
  • aiutano a mantenere la salute delle ossa e la mineralizzazione
  • aiutano a sostenere un sistema immunitario sano
  • facilitano l’assorbimento del calcio nell’organismo favorendo un sistema scheletrico sano

CoViD19

CoViD Marche, 26 gennaio: -4 ricoverati. I dimessi sono 38

Avatar

Published

il

Riprende il calo dei ricoverati per covid negli ospedali delle Marche: nelle ultime 24ore sono scesi a 618, -4 su ieri.

I pazienti in terapia intensiva sono 73, invariati su ieri, quelli in area semi intensiva 144 (-5), quelli in reparti non intensivi 401 (+1).

I dati del Servizio Sanità della Regione Marche indicano che ci sono stati anche 38 dimessi.

Gli ospiti di strutture territoriali sono 234 (-1), le persone nei ponto soccorso, che tecnicamente non vengono comprese tra i ricoverati, sono scese da 30 a 25.

Salgono i positivi in isolamento domiciliare da 8.042 a 8.130, il totale di ricoverati più isolati è 8.748.

In calo invece le persone in quarantena per contatti con contagiati, da 15.773 a 15.244, dei quali 4.443 con sintomi, 725 operatori sanitari.

I dimessi/guariti dall’inizio della pandemia salgono a 42.752. (ANSA).


Per info su Il Martinohttps://ilmartino.it/ e la pagina Facebook:  https://www.https://www.facebook.com/ilMartino.it/

Continua a leggere

Abruzzo

CoViD Abruzzo, 26 gennaio: i dati aggiornati

Avatar

Published

il

Casi positivi a 41107 (+152 su 6977 test)

Sono complessivamente 41107 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza.

Rispetto a ieri si registrano 152 nuovi casi (di età compresa tra 6 e 87 anni).

I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 16, di cui 4 in provincia dell’Aquila, 6 in provincia di Pescara, 2 in provincia di Chieti, 3 in provincia di Teramo e 1 residente fuori regione.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 17 nuovi casi e sale a 1435 (di età compresa tra 48 e 95 anni, 9 in provincia di Chieti, 3 in provincia di Teramo e 5 in provincia di Pescara). Del totale odierno, 7 casi sono riferiti ai giorni scorsi e comunicati solo oggi dalle Asl.

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 29625 dimessi/guariti (+284 rispetto a ieri).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 10047 (-149 rispetto a ieri).

Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 600373 tamponi molecolari (+2795 rispetto a ieri) e 50161 test antigenici (+4182 rispetto a ieri).

Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari al 2.2 per cento.

415 pazienti (-11 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva42 (-2 rispetto a ieri con 2 nuovo ricovero) in terapia intensiva, mentre gli altri 9590 (-136 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Del totale dei casi positivi, 11954 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+6 rispetto a ieri), 9190 in provincia di Chieti (+36), 8679 in provincia di Pescara (+66), 10771 in provincia di Teramo (+40), 350 fuori regione (+2) e 163 (+2) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.


Per info su Il Martinohttps://ilmartino.it/ e la pagina Facebook:  https://www.https://www.facebook.com/ilMartino.it/

Continua a leggere

Abruzzo

CoViD Abruzzo, 25 gennaio: i dati aggiornati

Avatar

Published

il

Casi positivi a 40955* (+69 su 6685 test)

Sono complessivamente 40955 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza.

Rispetto a ieri si registrano 69 nuovi casi (di età compresa tra 1 mesi e 89 anni).

*(il totale risulta inferiore di 3 unità perché sono stati sottratti casi risultati duplicati o in carico ad altra Regione)

I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 13, di cui 2 in provincia di Pescara e 11 in provincia di Chieti.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 25 nuovi casi e sale a 1418 (di età compresa tra 46 e 94 anni, 1 in provincia di Chieti, 4 in provincia dell’Aquila, 13 in provincia di Teramo e 7 in provincia di Pescara). Del totale odierno, 16 casi sono riferiti ai giorni scorsi e comunicati solo oggi dalle Asl.

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 29341 dimessi/guariti (+499 rispetto a ieri).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 10196 (-458 rispetto a ieri).

Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 597578 tamponi molecolari (+1800 rispetto a ieri) e 45979 test antigenici (+4885 rispetto a ieri).

Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari all’1 per cento.

426 pazienti (-4 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva44 (invariato rispetto a ieri con 1 nuovo ricovero) in terapia intensiva, mentre gli altri 9726 (-454 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Del totale dei casi positivi, 11948 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+7 rispetto a ieri), 9154 in provincia di Chieti (+39), 8613 in provincia di Pescara (+16), 10731 in provincia di Teramo (+9), 348 fuori regione (invariato) e 161 (-5) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.


Per info su Il Martinohttps://ilmartino.it/ e la pagina Facebook:  https://www.https://www.facebook.com/ilMartino.it/

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy