fbpx
Connect with us

Macerata

Montelupone, troppi alunni in classe. Il sindaco Pecora contro l’ufficio scolastico regionale: “faremo ricorso al Tar”

Non si placano le polemiche sulle classi pollaio a Montelupone. Il sindaco Pecora contro Filisetti: “ricorso al Tar per soluzione definitiva”

Published

on

Montelupone, troppi alunni nelle classi pollaio

MONTELUPONE – Non sembra attenuarsi il problema delle classi pollaio nella cittadina di Montelupone dopo l’interlocuzione avvenuta qualche settimana fa tra il primo cittadino Rolando Pecora e il direttore dell’ufficio scolastico regionale Marco Ugo Filisetti.

Il problema è sorto alla luce del provvedimento emanato dallo stesso Filisetti per accorpare in vista del prossimo anno scolastico in un’unica classe i 30 ragazzi che attualmente frequentano le due quinte elementari della scuola “Madre Teresa di Calcutta”. Per ridurre il numero eccessivo degli allievi si opererebbe quindi, come disposto dallo stesso provvedimento, una redistribuzione degli stessi presso la scuola media di Potenza Picena.

Un provvedimento che non è piaciuto al sindaco Rolando Pecora che lo ha definito fin da subito un «ingente aggravio per le casse comunali e per le famiglie del nostro territorio». Da qui la decisione di interloquire personalmente con il direttore dell’ufficio scolastico regionale mediante una lettera per chiedere allo stesso di fare marcia indietro ed evitare lo sradicamento sociale che una parte degli studenti subirebbe se si trovasse costretto a frequentare la scuola media a Potenza Picena.

Lo stesso Pecora ha quindi dato aggiornamento sulla vicenda delle classi pollaio a Montelupone: «Dopo aver segnalato il problema nelle ultime settimane, si legge in un comunicato, apprendo dalla dirigente scolastica che l’ufficio scolastico regionale sarebbe tornato sui suoi passi decidendo per l’apertura di due classi prime alle medie, considerata anche la presenza di un alunno disabile».

Se per le medie il problema sembra quindi risolto, con una distribuzione contenuta che avverrà in due sezioni, così però non sarà per la futura prima elementare: «alla dirigente scolastica non risultano però variazioni per quanto riguarda la nuova prima classe elementare, ha chiarito subito il primo cittadino, che sarà formata da 25 alunni complessivi, due dei quali portatori di disturbi evolutivi specifici. Anche in questo caso la norma prevede la riduzione a 20 del numero massimo di bambini in classe, ha chiarito Pecora. Non potendo accettare la cieca applicazione di una norma che è totalmente illogica oltre che illegittima mi vedo costretto a fare ricorso al TAR così da consentire l’applicazione delle norme previste e trovare una soluzione che sia definitiva», ha concluso il primo cittadino di Montelupone.

Abruzzo

A14, stop cantieri Marche-Abruzzo: tutte le corsie disponibili

Published

on

ANCONA – Sull’autostrada A14 Bologna-Taranto, in particolare nel tratto marchigiano-abruzzese Pedaso-Val di Sangro, stamattina “le squadre della Direzione di Tronco di Pescara di Autostrade per l’Italia hanno completato le operazioni di rimozione dei cantieri di ammodernamento, come previsto dal cronoprogramma condiviso con le Istituzioni locali, sotto la supervisione del Ministero del Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile. Dalla tarda mattina, grazie all’interruzione delle lavorazioni, è stata ripristinata la viabilità su tutte le corsie disponibili, sia in direzione Nord che in direzione Sud”.

Come riporta l’Ansa, lo comunica Autostrade per l’Italia. “L’interruzione delle lavorazioni, che proseguirà fino alla sera di martedì 6 settembre, – spiega la società – consentirà di garantire una maggiore fluidità al traffico per le settimane estive, caratterizzate da un incremento dei flussi di traffico per via degli spostamenti verso le località di mare e di rientro dalle vacanze verso le città”. I cantieri, “da oggi sospesi nel tratto della A14 tra Pedaso e Val di Sangro, rientrano nel programma di ammodernamento e potenziamento che Autostrade per L’Italia sta portando avanti sulle principali infrastrutture della rete, secondo quanto previsto dalle più recenti linee guida del Ministero concedente”.

Continue Reading

Macerata

Civitanova, non rientra in carreggiata dopo cantiere Ss77: frontale auto

Published

on

CIVITANOVA MARCHE – Non rientra nella propria carreggiata di marcia dopo uno scambio di corsia, in prossimità di un cantiere, sulla Ss77 Val di Chienti all’altezza della zona industriale di Civitanova Marche (Macerata). Sarebbe stata questa circostanza a innescare uno scontro frontale tra due auto avvenuto verso le 2 della notte appena trascorsa: tre persone sono rimaste ferite, di cui due in maniera più grave anche se non sarebbero in pericolo di vita.

Sul posto una pattuglia della Polizia stradale di Camerino. Secondo una prima ricostruzione riportata dall’Ansa, una vettura condotta da una 36enne invece di rientrare sulla propria corsia di marcia, alla fine di un cantiere stradale, avrebbe proseguito la corsa sulla carreggiata opposta scontrandosi con un altro veicolo guidato da un 45enne, anche lui ferito in maniera seria. La donna è stata trasferita dal 118 all’ospedale regionale di Torrette mentre il 45enne è stato trasportato all’ospedale di Macerata per cure e accertamenti del caso.

Coinvolta nello scontro anche un’altra vettura, che sopraggiungeva nel giusto senso di marcia, con a bordo un 46enne che riportato lesioni lievi. La dinamica dell’incidente è comunque ancora al vaglio della polizia. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco per mettere in sicurezza la sede stradale.

Continue Reading

Macerata

Precipita dal tetto di un capannone: morto operaio 54enne

Published

on

SAN SEVERINO MARCHE – Un operaio di 54 anni, padre di quattro figli, Grimaldo Palomino Loayza è precipitato dal tetto del capannone di una ditta di fertilizzanti, Choncimer, a Rocchetta di San Severino Marche (Macerata) mentre stava effettuando la pulizia di pannelli fotovoltaici.

L’incidente è avvenuto ieri mattina. L’uomo, di origine peruviana e da oltre 20 anni residente a Macerata, è caduto nel vuoto da un’altezza di circa 15 metri dopo il cedimento, sotto i suoi piedi, secondo una prima ricostruzione, di un lucernaio in plexiglass. Inutili i tentativi di rianimarlo da parte dei sanitari del 118.

Come riporta l’Ansa, sono intervenuti i carabinieri della locale stazione e gli ispettori del Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro per cercare di ricostruire la dinamica dell’incidente. Sul posto anche un medico legale e il pm Rosanna Buccini che ha disposto l’autopsia.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.