fbpx
Connect with us

Marche

Samb-Recanatese, i precedenti. Ecco le nuove divise

Pubblicato

il

29 novembre 2015 - Samb-Recanatese

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sono sette i precedenti in casa Samb contro i leopardiani, tutti in campionato: uno in Terza Divisione e 6 in serie D.

Il primo incontro si perde nella “notte dei tempi” e viene giocato in Terza Divisione Marche (4° livello) il primo giorno del 1928: la gara termina in parità, 2-2.

Le due squadre si ritrovano dopo quasi settant’anni, due anni dopo il declassamento rossoblù a seguito del primo fallimento societario targato Venturato (estate 1994): si gioca in serie D il 15 settembre 1996 e la Samb vince 2-1 grazie alle reti del trentaseienne Giorgio Lunerti e, nella ripresa, dell’ex di turno Andrea Pantanetti;  il gol della “bandiera” avversaria arriva a dieci minuti dal termine firmata da Lelli.

A fine campionato i giallorossi retrocedono in Eccellenza per rincontrarsi dopo quasi quindici anni, sempre in serie D, il 6 marzo 2011: al “Riviera” la Samb di mister Ottavio Palladini batte i giallorossi 3-0 grazie a una doppietta di Carlo Maria Caligiuri e un gol di Francesco Covelli. La gara è storica essendo la prima vittoria in serie D del mister sambenedettese.

Nel torneo successivo, il 6 maggio 2012, arriva un’altra vittoria, 3-2: è l’ultima giornata di campionato e la Samb di Palladini è già proiettata alla disputa dei play-off, poi persi ai rigori nella sfida contro il Legnago. La gara viene risolta ancora una volta da una doppietta, quella del rumeno Petrisor Voinea e da un gol di Giordano Napolano. 

Il quinto scontro va in scena sabato 22 dicembre 2012, ultima gara di quell’anno solare: un’altra vittoria, 2-0, per i rossoblù di Mister Palladini e, per il terzo anno consecutivo grazie ad un’altra doppietta, quella di bomber Cristian Pazzi che realizza una rete per tempo. Quel sabato viene ricordato Tiziano Manfrin “il Principe”, sei giorni dopo la sua scomparsa a 58 anni d’età: rossoblù per tre stagioni in serie B dall’estate 1984 a quella del 1987, 90 presenze e 5 reti (è lui che il 5 gennaio 1987 si procura il calcio di punizione al limite dell’area che poi Sauro Fattori realizza sotto la Curva Nord del “Riviera” per il pareggio nell’ultimo Derby casalingo contro l’Ascoli, 1-1).

Anche l’ultima gara dell’anno 2014 si gioca al “Riviera” contro i leopardiani, il 21 dicembre, nel sesto scontro diretto casalingo: è la penultima giornata di andata, i rossoblù di Silvio Paolucci sono sesti in graduatoria e sono reduci da una settimana di forzato ritiro ad Apecchio dopo la sconfitta contro la capolista Maceratese, ormai avanti di otto punti, e dopo aver collezionato tre sconfitte nelle ultime quattro gare. C’è l’esordio del nuovo arrivato Paulis e la momentanea epurazione del portiere ungherese Fulop a favore di Cafagna. In settimana il DS Arcipreti dà il ben servito a sette rossoblù, tra cui l’attaccante Francesco Di Paola contro il volere di gran parte della tifoseria che, per tutto il primo tempo, rimane in silenzio riservandosi di contestare esclusivamente tramite eloquenti striscioni. La gara si risolve nella prima mezz’ora grazie alle reti di Carteri, Napolano, Tozzi Borsoi e Alessandro che fissano il risultato sul 4-0. La Samb batte la Recanatese dell’ex rossoblù Davide Traini e di mister Daniele Amaolo che all’indomani di questa sonora sconfitta verrà esonerato e sostituito in panca da Lamberto Magrini.

Il 29 novembre dell’anno successivo la capolista Samb di Ottavio Palladini rallenta la corsa: i rossoblu, passati in vantaggio alla mezzora della ripresa con Sabatino, falliscono il rigore del 2-0 con Barone al 38° e, tre minuti dopo, vengono puniti dall’unico tiro in porta degli ospiti. Il 10 aprile successivo la Samb potrà festeggiare il ritorno matematico in serie C dopo sette anni di attesa.

(29 novembre 2015 – Samb-Recanatese. Filmato di Matteo Bianchini)


TUTTI I PRECEDENTI IN CASA SAMB



LE NUOVE MAGLIE 

1️⃣9️⃣:2️⃣3️⃣
” È giunta l’ora…si torna a casa! ” ❤️💙 Vi presentiamo in esclusiva le nuove divise Home & Away targate Adidas, per la stagione 2021-22, in collaborazione con GTZ distribution, presto saranno disponibili nello store online!!!

Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Marche

Anoressia e bulimia, una piattaforma per salvare migliaia di giovani

Una nuova piattaforma istituita dall’ISS per mappare le strutture di cura dei disturbi alimentari: due i centri nelle Marche

Pubblicato

il

ulimia, nuova piattaforma

Una nuova piattaforma per individuare tutti i 91 centri di cura presenti in Italia per la cura dei DCA (Disturbi alimentari del comportamento).

Si tratta del primo censimento in Italia dei servizi ambulatoriali, residenziali e semi-residenziali appartenenti al Servizio Sanitario Nazionale e che dal 2022 coinvolgerà anche le strutture del privato accreditato. Il risultato è stato raggiunto grazie al progetto MA.NU.AL del Ministero della Salute con la collaborazione del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità.

Proprio l’ISS ha infatti messo a punto il portale in cui ogni cittadino potrà verificare il centro di cura a lui più vicino, con le informazioni relative agli specialisti coinvolti nel contrasto ai disturbi alimentari del comportamento.

Un impegno che il Ministero della Salute ha dovuto prendersi considerati i dati del periodo pandemico, con una severa recrudescenza del numero dei casi. A soffrire di disturbi alimentari sono principalmente le ragazze (90%) dei casi e in generale i più giovani (59% dei pazienti hanno tra i 13 e i 25 anni), ma ci sono anche bambini con meno di 12 anni (6%). Le diagnosi più frequenti riguardano l’anoressia nervosa, rappresentata nel 42,3% dei casi, la bulimia nervosa nel 18,2% e il disturbo di binge eating nel 14,6%.

Disturbi complessi di questi tipo richiedono equipe multidisciplinari. Nei 91 centri mappati dall’ISS al 31 dicembre 2021 sono 963 i professionisti che lavorano nei centri. Si tratta soprattutto di psicologi (24%), psichiatri o neuropsichiatri infantili (17%), infermieri (14%) e dietisti (11%). Sono inoltre presenti gli educatori professionali (8%), i medici di area internistica e pediatri (5%), i medici specialisti in nutrizione clinica e scienza dell’alimentazione (5%), i tecnici della riabilitazione psichiatrica (3%), gli assistenti sociali (2%) ed infine i fisioterapisti (1%) e gli operatori della riabilitazione motoria (1%).

 Sotto il profilo terapeutico i percorsi offerti all’utenza vedono l’integrazione di diverse tipologie di intervento: psicoterapeutici (100%), psicoeducativi (99%), nutrizionali (99%), farmacoterapico (99%), di monitoraggio della condizione psichico-fisico-nutrizionale (99%) e di abilitazione o riabilitazione fisica e sociale (62%).

Nelle Marche, alla data attuale, sono due i centri del SSN mappati: si tratta dell’UOSD Centro per i disturbi del comportamento alimentare sito in via Dante Zeppilli a Fermo, e di quello situato in Strada Novilara a Pesaro.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Capriolo investito e soccorso alla periferia di Ascoli

Pubblicato

il

ASCOLI PICENO – Un capriolo ferito è stato soccorso ieri notte ad Ascoli Piceno, nel quartiere di Monticelli. L’hanno notato, accasciato sul prato a bordo strada, alcuni ragazzi che hanno dato l’allarme. Come riporta l’Ansa, sul posto polizia municipale e agenti della questura che hanno allertato il Cras di Fermo, un centro specializzato nel recupero di animali selvatici feriti. Il capriolo è stato trasferito nel centro di Capodarco, dove gli esami hanno evidenziato un forte trauma toracico, probabilmente causato dall’investimento di un’auto in transito.

Continua a leggere

Cronaca

Macerata, bilanci ritoccati e finanziamenti covid usati per scopi personali: nei guai 4 aziende

Ammonterebbe a 60 mila euro la somma indebitamente percepita da 4 aziende del maceratese. Le accuse vanno dal falso in bilancio alla malversazione a danno dello stato

Pubblicato

il

Macerata, percezione illecita contributi covid

MACERATA – Ammontano complessivamente a circa 60 mila euro le somme indebitamente percepite da quattro aziende operanti nel territorio del maceratese. Le imprese coinvolte rischiano ora, oltre le conseguenze penali, anche l’applicazione delle sanzioni amministrative che possono arrivare fino al 200% della somma illecitamente percepita.

In particolare, nell’ambito dell’azione di contrasto all’indebita percezione di contributi nazionali strettamente correlati all’emergenza epidemiologica in corso, i finanzieri del gruppo di Macerata, insieme alla compagnia di Civitanova Marche e a quella di Porto Recanati hanno approfondito nei giorni scorsi la situazione di un ampio numero di aziende percettrici di contributi, ricorrendo in certi casi anche all’utilizzo della polizia valutaria ai fini del contrasto al riciclaggio di denaro.

Grazie a quest’attività e collaborazione i militari della compagnia di Civitanova e Porto Recanati hanno quindi segnalato alla Procura della Repubblica e all’Agenzia delle entrate gli amministratori di tre aziende per i reati di malversazione a danno dello stato e appropriazione indebita aggravata. Le aziende coinvolte infatti, erano risultate percettrici complessivamente di 260 mila euro di finanziamenti a garanzia dello stato. Attraverso l’analisi delle movimentazioni bancarie e i dati della fatturazione elettronica le Fiamme Gialle hanno riscontrato una distrazione di parte di fondi per fini personali/familiari, contrariamente a quanto stabilito dalla legge.

I militari di Macerata hanno invece esaminato la posizione di un’azienda, percettrice di oltre 14 mila euro a fondo perduto. Dalle analisi infatti della documentazione contabile è emerso che il titolare avrebbe dichiarato un fatturato maggiore di quello effettivo al fine di incassare un contributo maggiore di quello spettante. Il responsabile è stato quindi segnalato all’Agenzia delle Entrate per l’applicazione delle relative sanzioni amministrative.

Le operazioni dei finanzieri si collocano all’interno di un più ampio dispositivo a tutela del bilancio nazionale: il corretto utilizzo dei fondi pubblici aiuta la crescita produttiva e occupazionale e contribuisce, nell’attuale congiuntura, ad attenuare l’impatto della crisi economica provocata dalla pandemia.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via Metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.

Privacy Policy