fbpx
Connect with us

Macerata

Tolentino, il bilancio di Pezzanesi: “voglio portare in città una discoteca”

Ricostruzione, sanità, il nuovo campus scolastico e perfino una discoteca. Tanti i temi toccati dal sindaco Pezzanesi nel consueto appuntamento di fine anno

Pubblicato

il

sindaco Tolentino Giuseppe Pezzanesi discoteca
Foto presa dalla pagina Facebook di Giuseppe Pezzanesi

TOLENTINO – Sisma, ricostruzione, sanità, istruzione, nuovi luoghi di aggregazione per i giovani e perfino una discoteca. Tanti sono stati gli argomenti toccati dal sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi, intervistato da Luca Romagnoli nel consueto appuntamento di fine anno.

Un bilancio che questa volta non riguarda più semplicemente l’anno appena trascorso ma l’intera amministrazione di Pezzanesi alla guida della città, dal momento che, come annunciato da tempo, l’attuale sindaco non si presenterà alle elezioni comunali del prossimo anno. Capitolo ricostruzione: negli ultimi tempi qualcosa si è mosso, specialmente grazie alle iniziative del nuovo commissario alla ricostruzione Legnini ma la città rimane, con oltre 2 mila edifici danneggiati, una delle realtà più colpite dal sisma del 2016. Tuttavia molte sono le opere in cantiere, 220 milioni circa già stanziati incluso il Psr, il programma straordinario di ricostruzione del centro storico e una priorità, quella di consegnare entro la primavera del 2022 tutti gli alloggi ai terremotati: «Tolentino è la più grande città del cratere nel maceratese – ha spiegato il sindaco – è la realtà che più di tutti ha sofferto le lungaggini burocratiche del nostro Paese, un tema che feci presente all’allora Presidente del Consiglio. La città comunque si è mossa, siamo i primi per la preparazione e la deliberazione delle pratiche di apertura dei cantieri e per il numero complessivo degli stessi, abbiamo liquidato più di 240 milioni di euro e presto cominceremo con nuove opere pubbliche, dalla Basilica di San Nicola al Palazzo Municipale».

Ad accendere il dibattito pubblico nell’ultimo anno anche la scelta di realizzare il nuovo campus scolastico in Contrada Pace, un progetto che appena 10 giorni fa ha ricevuto l’approvazione definitiva della provincia di Macerata dopo un lungo iter burocratico di circa due anni.

Il nuovo polo, che nell’intenzione dell’amministrazione ospiterà tutte gli istituti di istruzione superiore secondari della città, è stato disegnato dall’architetto Ubaldo Severini personalità da sempre attiva nel rinnovamento della città e avrà un valore complessivo di 23, 5 milioni di euro: «è un progetto che abbiamo fortemente voluto – ha spiegato Pezzanesi – nonostante alcune difficoltà incontrate nel percorso (come il ritrovamento nell’area individuata di reperti archeologici). La nostra intenzione era quella di far convergere tutte le scuole in un’unica struttura, che volevamo funzionale ma anche piacevole esteticamente ed aggraziata. Il progetto dell’architetto Severini ci è sembrato da subito in linea con la nostra idea e ha trovato un forte consenso anche tra molte famiglie e i più giovani soprattutto».

Proprio la scelta dell’area però non ha convinto gli oppositori dell’amministrazione che hanno parlato ancora una volta di decentralizzazione: «credo che molti di coloro che ostacolano il progetto non abbiano a cuore la nostra città, ha incalzato il sindaco, il campus sorgerà a circa 3 km dal centro storico, realtà che non potevamo di certo smantellare per costruirci un edificio del genere».

Anche sul fronte sanitario proprio il finire dell’anno ha portato alcune novità importanti, come lo sblocco in Regione delle procedure per l’avvio dei lavori di demolizione e ricostruzione dell’ospedale cittadino, reso inagibile proprio dal sisma del 2016. Il mese scorso era stato proprio l’assessore alle infrastrutture con delega ai lavori pubblici Francesco Baldelli ad annunciare l’approvazione del progetto esecutivo in sede di conferenza dei servizi, una fase che apre la strada alla predisposizione del bando di gara e ai lavori di ricostruzione: «si tratta di una struttura dotata dei più alti standard sotto il profilo energetico e della sicurezza sismica – ha assicurato Pezzanesi, all’avanguardia anche sul piano logistico e architettonico, eppure molte associazioni si sono messe subito sugli scudi, chissà perché, ha incalzato il sindaco, quando c’era la sinistra a governare la città erano pronte invece ad accettare qualsiasi cosa».

Una Tolentino quindi rinnovata nelle opere e nell’intenzioni e che “strizza” l’occhio decisamente ai più giovani: «costruire un nuovo campus significa far rivivere la città ma questo non basta, è naturale che ragazzi e ragazze cerchino luoghi in cui aggregarsi specialmente dopo questo lungo periodo pandemico. Quando io ero giovane – ha ricordato Pezzanesi – avevamo due locali in città e altri a 3 e 15 km. Nel tempo queste gestioni si sono perse per strada e adesso vedo ragazzi mettersi in macchina e fare 40/50 km per andare a divertirsi. Il nostro obiettivo è di portare entro il 2022 una discoteca a Tolentino, un luogo spesso demonizzato perché associato all’abuso di alcool e droga. Ovviamente dobbiamo combattere questi fenomeni – ha concluso il sindaco di Tolentino Pezzanesi – ma senza impedire ai più giovani di divertirsi».

Macerata

Omicidio di Pamela Mastropietro, ergastolo a Innocent Oseghale

Pubblicato

il

processo-bis-a-innocent-oseghale-per-omicidio-pamela-mastropietro

La Cassazione respinge il ricorso della difesa e rende definitiva le condanne all’ergastolo per Innocent Oseghale inflittegli in primo grado e due volte in Appello. Nel 2022 la Suprema corte aveva chiesto approfondimenti sull’aggravante della violenza sessuale.

MACERATA – Innocent Oseghale è stato condannato in via definitiva all’ergastolo per l’omicidio della giovane Pamela Mastropietro, uccisa, fatta a pezzi ed abbandonata a Pollenza nel 2018. Oseghale era stato condannato in primo grado. Sentenza confermata poi per due volte in appello, anche se nel 2022 la Cassazione aveva chiesto approfondimenti sull’aggravante della violenza sessuale.

Non si trattava di una questione da poco, dal momento che se non fosse stata riconosciuta Oseghale avrebbe potuto evitare l’ergastolo. Con la sentenza di oggi viene messa dunque la parola fine ad una raccapricciante vicenda di cronaca prima e giudiziaria poi.

La madre della giovane alla lettura è esplosa in lacrime e si è stretta nell’abbraccio dei tanti presenti a manifestarle solidarietà. Una scena bene diversa da quando due anni fa lasciò l’Aula su tutte le furie per il parziale annullamento della condanna di Oseghale. Anche la maglietta era diversa: se nel 2022 mostrava il corpo fatto a pezzi della figlia, stamattina ne ritraeva il volto sorridente su sfondo rosa.

La donna è soddisfatta della sentenza, ma è sicura che non sia stata completamente accertata la dinamica dei fatti di quel maledetto giorno. Da sempre è convinta che Oseghale non abbia agito da solo e che i complici siano ancora a piede libero: «Tutta l’incertezza di questi anni non aiuta. Sapere che fuori ci sono dei mostri che possono fare ancora del male come hanno fatto a Pamela è un pensiero terribile».

Continue Reading

Ascoli Piceno

Sante Copponi, nuovo Prefetto di Ascoli: «onorato di lavorare in questa provincia»

Pubblicato

il

sante copponi nuovo prefetto ascoli piceno

Il nuovo prefetto di Ascoli Piceno Sante Copponi ha diramato agli organi di stampa una lettera con la quale presenta il suo insediamento.

ASCOLI PICENO – Il nuovo prefetto Sante Copponi, da poco insediatosi dopo , illustra quali saranno le linee guida del suo operato in una lettera alla stampa che pubblichiamo per intero. Pur arrivando dalla Prefettura di Matera, si tratta di un ritorno nelle Marche per Copponi, nato a Pievebovigliana, in provincia di Macerata, l’11 marzo 1959 e laureatosi in Scienze politiche all’Università di Camerino. Nel corso della sua carriera ha prestato servizio nelle prefetture di Macerata, Piacenza, Fermo e Pesaro e Urbino.

Di seguito la lettera del nuovo prefetto di Ascoli Piceno:

«Nell’assumere l’incarico di Prefetto di Ascoli Piceno, onorato di poter lavorare in questa bellissima provincia, laboriosa, ricca di storia, di beni culturali e di paesaggi, rivolgo un saluto a tutte le autorità civili, militari, religiose, al mondo delle imprese e del lavoro e al mondo delle associazioni.

Il mio massimo impegno sarà quello di preservare la coesione sociale del territorio assumendo tutte le iniziative necessarie per la tutela dell’ordine, della sicurezza pubblica, dell’incolumità pubblica e dell’ambiente, con particolare attenzione rivolta alle categorie fragili e maggiormente vulnerabili.

Analogo impegno sarà profuso per favorire l’inclusione sociale delle categorie maggiormente svantaggiate.

Una particolare attenzione intendo rivolgere ai territori colpiti dal sisma del 2016 per fornire tutto il necessario supporto alla risoluzione delle problematiche sociali ed economiche.

Assicuro fin d’ora la massima collaborazione con le istituzioni locali, con il mondo delle imprese e quello del lavoro per la risoluzione delle problematiche socio-economiche presenti sul territorio provinciale contando, al riguardo, nella disponibilità e collaborazione di tutti gli attori sociali ed economici della provincia che incontrerò a breve per avere un quadro completo dell’assetto produttivo-occupazionale della provincia».   

Continue Reading

Macerata

250 chili di marijuana ed hashish sequestrati a Civitanova Marche

Pubblicato

il

250 chili marjuana civitanova marche 2

Denunciato un cittadino al quale lo stupefacente era destinato. I finanzieri di Civitanova, grazie all’unità cinofila, hanno intercettato il carico da 15 chili nei colli di magazzino di un corriere espresso. In casa, aveva altri 235 chili. Denunciato a piede libero.

MACERATA – E’ stato denunciato a piede libero l’uomo al quale i finanzieri di Civitanova Marche hanno sequestrato complessivamente 250 chili tra marijuana ed hashish: 15 stavano per essergli recapitati attraverso un corriere, mentre in casa aveva il grosso dello stupefacente.

Il sequestro è stato reso possibile dal fiuto dell’unità cinofila, che ha scovato il carico incriminato tra i colli di magazzino in attesa di essere consegnati di un corriere espresso. Apparentemente i due voluminosi involucri contenevano elettrodomestici.

Una volta risaliti al suo indirizzo, i finanzieri hanno fatto controllare al cane Hanima i luoghi nella sua disponibilità, compresi i locali dell’azienda del quale è titolare unico. E così è stato scoperto il magazzino con i 250 circa chili di stupefacenti a Civitanova Marche: 195 chili di marijuana e 27 di hashish di tipo kief, ai quali vanno aggiunti i 15 in consegna. Tutto sequestrato dalle fiamme gialle.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.